Questo sito contribuisce alla audience di

Guaglione

"Guaglione" cavallo di battaglia di Aurelio Ferro rimase al vertice delle classifiche per ben sei settimane e venne tradotta in molte lingue. Ricordiamo "Bambino" nella versione francese di Dalida.

guaglione aurelio fierro

Brano, presentato al 4° Festival della Canzone Napoletana, al centro di un’accesa polemica.
Durante le prove del festival svoltesi a Torino, Claudio Villa venne raggiunto dal Maestro Gino Conte (direttore artistico della Vis Radio), il quale, in una pausa delle prove, gli chiede di interpretare anche un’altra canzone di cui la Vis ha appena acquistato i diritti: “Passione amara”.
Il reuccio ribatte sostenendo che non può farlo poichè il regolamento prevede che ogni cantante non può interpretare più di sette canzoni a testa e lui è già al completo Guaglione, Peppeniello ‘o trumbettiero, Nun me guardà, Guardanno ‘o mare, Nun t’addurmì, A piccerella, e Dincello tu.
-Non c’è problema-, ribatte Conte, - puoi cedere uno dei tuoi brani a qualcun altro-.

La proposta lascia perplesso il cantante romano il cui timore è quello che possa regalare ad un altro cantante il brano vincente, ma le insistenze dei suoi discografici son cosi pressanti che alla fine lo convincono, ma è a loro che lascia la scelta, con una una sola condizione, che se il brano ceduto vince il Festival, devono accettare l’immediata rescissione del contratto discografico che lo lega alla Vis radio”.
La canzone che Claudio Villa cede è “Guaglione” che vince, e anche in modo schiacciante, la manifestazione napoletana.
Pochi giorni dopo il reuccio già sta firmando un nuovo contratto discografico con l’etichetta Cetra.

“Guaglione” è anche la canzone più gettonata e più venduta del 4° Festival partenopeo. Il suo successo è talmente grande (ben sei settimane al primo posto in Hit Parade) che è tradotta in varie lingue, soprattutto in Francia, dove col titolo di “Garcòn”, diviene un gran successo di Dalida. Inoltre, dal brano, è tratto il film “Guaglione” di Giorgio Simonelli, con Terence Hill, Giulia Rubini, Titina De Filippo e Dorian Gray. La pellicola sbanca i botteghini, tanto che, l’anno successivo, nelle sale italiane arriva il seguito “Non sono più guaglione” di Oreste Biancoli e Leo Bomba, con Sylva Koscina, Tina Pica, Carlo Delle Piane, Dante Maggio, Francoise Rosay e Nunzio Gallo.

La canzone, oltre all’incisione di Aurielo Fierro (45g Durium Ld A 6053 e 78g Durium A 10799) e della Gresi (45g Voce del Padrone 7MQ 1023 e 78g Voce del Padrone HN 3667), è stata recuperata da numerosi cantanti: Claudio Villa, Renato Carosone, Mara Del Rio, Virginia Da Brescia, Maria Paris, Peppino Di Capri, ecc.
Recentemente è Pietra Montecorvino, che ci regala una cover di un gusto etnico mediterraneo, molto, molto particolare.

Guaglione
Nisa - Fanciulli

Staje sempe ccá, ‘mpuntato ccá,
‘mmiez’a ’sta via,
nun mange cchiù nun duorme cchiù
che pecundría!
Gué piccerí’ che vène a dí
’sta gelusia?
Tu vuó’ suffrí,
tu vuó’ murí,
chi t”o ffá fá…

Curre ‘mbraccio addu mammá,
nun fá ‘o scemo piccerí’…
dille tutt”a veritá
ca mammá te pò capí…

E passe e spasse sott’a stu barcone,
ma tu si’ guaglione…
Tu nun canusce ‘e ffemmene,
si’ ancora accussí giovane!
Tu si’ guaglione!…
Che t’hê miso ‘ncapa?
va’ a ghiucá ‘o pallone…
Che vònno dí sti llacreme?…
Vatté’, nun mme fá ridere!

Curre ‘mbraccio addu mammá,
nun fá ‘o scemo piccerí’…
Dille tutta ‘a veritá
ca mammá te pò capí…!

Nun ‘e ppittá, nun ‘allisciá
sti mustacciélle…
Nun cerca a te, nun só’ pe’ te
chill’uocchie belle…
Nun ‘a penzá, va’ a pazziá
cu ‘e guagliunciélle…
Nun t’avvelí,
c’è tiempo oje ni’,
pe’ te ‘nguajá!

Chi desidere ‘e vasá,
scordatélla, piccerí’,
ca si ‘o ddiceno a papá,
chisá comme va a ferní…

E passe e spasse sott’a stu barcone,

Finale:

Staje sempe ccá, ‘mpuntato ccá,
‘mmiez’a ’sta via…
Nun mange cchiù, nun duorme cchiù…
chi t”o ffá fá!…

Le categorie della guida