Questo sito contribuisce alla audience di

Foniatria e Canto seminario a cura di Ugo Cesari

Ugo Cesari, professore dell'ateneo federiciano a Napoli terrà a Roma, al Conservatorio di Santa Cecilia, il 27 di marzo un seminario interamente dedicato alla foniatria ed il canto.

Ugo Cesari

Foniatria e canto
un seminario per conoscere la voce
con il professor Ugo Cesari
angelo custode di Pavarotti, Bocelli, Ranieri, Caselli e Avitabile
sabato 27 marzo alle 14 | Conservatorio di Santa Cecilia
via dei Greci 18, Roma [zona piazza di Spagna]
Info 06.360 96 71
Cercare lo spirito del canto attraverso i muscoli misteriosi degli artisti: le corde vocali. È questa – da quasi venti anni – la missione di Ugo Cesari, professore dell’ateneo Federico II dell’università di Napoli, che sabato 27 marzo 2010, dalle 14, al Conservatorio Santa Cecilia di Roma terrà il seminario “Foniatria e canto”.
Una lezione assai speciale quella dello studioso napoletano che da diverso tempo è consulente dell’Ente San Carlo nonché angelo custode di molti fra i personaggi di rilievo della canzone italiana: da Andrea Bocelli a Caterina Caselli e Enzo Avitabile, da Massimo Ranieri al compianto maestro Luciano Pavarotti.
Tony Maiello

Fino a Gigi D’Alessio, Tony Maiello (neo-campione all’ultimo Sanremo), Maria Pia De Vito e Lina Sastri.
Durante l’incontro, della durata di un paio d’ore, saranno illustrate ad allievi di canto, addetti ai lavori, appassionati di musica e semplici curiosi, gli elementi di fisiologia della respirazione finalizzata alla tecnica del canto con particolare riferimento alla performance nei vari generi musicali – lirico, moderno, barocco – e anche nell’impiego degli strumenti a fiato (sassofono, tromba, flauto traverso, ottavino). Perché non è vero – come purtroppo racconta ancora oggi qualche libro – che le corde vocali dei suonatori, a differenza dei cantanti, stiano a riposo durante i loro concerti.

Al Conservatorio Santa Cecilia verranno proiettati filmati di interviste rilasciate da famosi cantanti lirici – Rockwell Blake, Chris Merritt, Anna Caterina Antonacci, Luciana D’Intino e Bruno Praticò – che spiegano i segreti della loro tecnica vocale e di interpretazione. «Io sono un meccanico della gola – racconta Cesari – che attraverso l’osservazione della laringe scopre l’anima degli artisti.
Infatti i nostri incontri non si limitano all’analisi delle loro vibrazioni ma vanno oltre, fino alla rivelazione delle sfumature esistenziali di ognuno. Per dirla alla Woody Allen, è come se io fossi, per loro, una sorta di psicoterapeuta. Ecco perché all’uscita dai camerini al termine dei loro spettacoli a volte può capitare di
ignorarsi.
In un primo momento si potrebbe pensare che questi cantanti siano ingrati; man mano, però, ho capito che in quel frangente io rappresento il loro specchio»
.

È così che Ugo Cesari interviene mediante svariate tecniche di indagine: dalla endoscopia stroboscopica (adoperando microcamere di 3 millimetri) alla spettrografia.
Di volta in volta adattando la sua ricerca alle esigenze della voce: tenori di fama e talenti di 9 anni, cantanti pop e interpreti jazz. «Per essere precisi – aggiunge Cesari – io sono lo specchio scientifico, non quello commerciale, e mi preoccupo semplicemente della loro salute e delle loro doti. Da specialista, e non da manager, sono obbligato ad ascoltare la voce come espressione/simbolo di una fisicità e contemporaneamente di una psiche. Perché è possibile non soltanto ascoltare una voce, ma pure vederla».

UMBERTO DI MICCO | GIANNI VALENTINO
info@dmvcomunicazione.net

Le categorie della guida