Questo sito contribuisce alla audience di

I portabici

Finalmente risolto il problema del portabiciclette, che tanta confusione aveva creato tra i camperisti

L’uso di questo diffusissimo accessorio è stato, fino al 1998, regolamentato da una normativa che richiedeva la trascrizione della sua presenza sulla carta di circolazione del veicolo.

Dopo tante richieste e pressioni, finalmente in data 27 Novembre 1998 il Ministero dei Trasporti ha diramato una disposizione che spazza via tutte le ambiguità e i possibili dubbi di interpretazione precedenti.

In sintesi, i portacicli amovibili installati posteriormente ai veicoli non richiedono alcuna trascrizione sulla carta di circolazione del veicolo, mentre sono confermati i doveri del conducente, che ha la responsabilità di garantire la visibilità della targa e dei dispositivi di illuminazione posteriori, il corretto montaggio dell’accessorio e il posizionamento del carico.
Notare che decade anche il limite del 65% del passo come massimo sbalzo consentito.

MINISTERO DEI TRASPORTI E DELLA NAVIGAZIONE

DIREZIONE GENERALE M.C.T.C.

IV Direzione Centrale - Div. 43

Prot. n. 2522/4332 - D.C. IV n. B103

Roma, 27 novembre 1998

OGGETTO: Strutture portabiciclette e portasci applicate posteriormente a sbalzo sulle autovetture ed autocaravan.

La presenza delle attrezzature in oggetto indicate, riscontrata già da tempo sui veicoli provenienti dai Paesi della CE, si è ormai rapidamente diffusa anche tra gli analoghi veicoli immatricolati con targa nazionale.

Considerata, sia la vastità del fenomeno che i numerosi quesiti pervenuti da parte di Uffici provinciali, Associazioni ed Organi di controllo della circolazione stradale, è necessario procedere alla emanazione in materia, al fine di aggiornare le procedure da seguire per la installazione delle strutture in esame.

Si premette che i portasci e i portabagagli, accessori che la Direttiva n. 79/488/CEE (1) (sporgenze esterne) consente di omologare quali entità tecniche indipendenti destinati ai veicoli della categoria M1, possono essere sugli autoveicoli, senza l’obbligo della annotazione sulla carta di circolazione.

Le strutture portabici, ancorchè non omologabili, sono, tuttavia, accessori leggeri ed amovibili, che non modificano in modo significativo la massa a vuoto del veicolo, e la cui applicazione, al pari del portasci, è da ritenersi ammissibile sic et simpliciter senza l’obbligo di aggiornamento della carta di circolazione.

Ricade nella responsabilità del conducente del veicolo l’obbligo della corretta installazione delle suddette strutture, per quanto concerne la stabilità dei punti di ancoraggio, ovvero il rispetto del carico verticale ammesso sulla sfera, qualora venga utilizzato il gancio di traino come appoggio.

Riguardo alla applicazione, in particolare, del portabici sulle autocaravan, si ricorda che non sussiste più l’obbligo, per lo sbalzo posteriore, del rispetto del limite del 65% dell’interasse, di cui alla circolare D.C. IV n. A083 del 16.9.1993 (2), in quanto anche per le autocaravan valgono le disposizioni della Direttiva n. 95/48/CE (3) relativa alle masse e dimensioni dei veicoli.

Similmente, incombe sul conducente la corretta sistemazione del carico, ai sensi dell’art. 164 del Codice della strada (4). In particolare, si raccomanda l’esigenza di assicurare la completa visibilità dei dispositivi di illuminazione e di segnalazione visiva, e della targa. In ogni caso, la superficie esterna delle strutture non deve presentare parti orientate verso l’esterno suscettibili di agganciare pedoni, ciclisti o motociclisti.

Si comunica, infine, che per ragioni di sicurezza, non è più consentita l’applicazione di strutture posteriormente a sbalzo su autovetture ed autocaravan per il trasporto di ciclomotori, motocicli e altri oggetti, per il trasporto dei quali devono essere utilizzati i carrelli appendice ed i rimorchi per attrezzature turistiche e sportive appositamente previsti dalla normativa.

E’ abrogata la circolare D.G. n. 201/85 (5) ed ogni altra disposizione in contrasto con la presente circolare, che è di immediata applicazione.

IL DIRETTORE CENTRALE

dr.ing. Tullio D’Ulisse

(1) Vedasi “banca dati ITER” pag.070330.

(2) Vedasi “la motorizzazione 1993″ pag. 93445.

(3) Vedasi “banca dati ITER” pag. 026247.

(4) Vedasi “codice della strada” pag. 164.00.00.
(5) Vedasi “la motorizzazione 1985″ pag. 85631.