Questo sito contribuisce alla audience di

Westfalia inzia la ristrutturazione

Il produttore di camper Westfalia “CVC Camping Van Conversion GmbH” (CVC) è in fase di ristrutturazione. L’azienda intende utilizzare la procedura di insolvenza per realizzare un efficace e[...]

westfaliaIl produttore di camper Westfalia “CVC Camping Van Conversion GmbH” (CVC) è in fase di ristrutturazione. L’azienda intende utilizzare la procedura di insolvenza per realizzare un efficace e sostenibile riallineamento delle sue attività. Requisiti importanti per questo riallineamento sono già stati definiti. Dopo che la società ha presentato istanza di fallimento mercoledì scorso, Mercedes, Opel, Ford, Fiat hanno assicurato il loro pieno sostegno al piano di ristrutturazione del costruttore di camper. CVC produce diversi modelli per i suoi partner OEM* come il Viano Marco Polo, il Ford Transit Nugget, e Opel Vivaro Life. I costruttori di automobili hanno garantito la consegna delle meccaniche di base come puire di acquistare I modelli finiti.

“Il sostegno dei partner OEM mostra chiaramente la fiducia dei produttori per il futuro della società e delmarchio Westfalia”, sottolinea l’amministratore della procedure d’’insolvenza Rainer Eckert rappresentante legale di Eckert Rechtsanwälte. “Questo include anche che le partnership di sviluppo, come quelle che esistono con la Fiat, devono essere mantenute come previsto”, aggiunge. Così, un nuovo modello di Westfalia, basato sulla meccanica del Fiat Ducato, dovrebbe essere lanciato già nel giro di qualche mese. Lo sviluppo del prototipo continua attualmente a pieno ritmo.

Accanto ai partner OEM, anche i principali fornitori hanno assicurato il loro sostegno. “La produzione prosegue ed è garantita per tutte le gamme e per i prossimi mesi”, conferma il signor Eckert. Dopo il crollo durante la prima metà del 2009, gli ordini in arrivo sono giunti a un livello costante, ha aggiunto. Gli stipendi e salari per i circa 170 dipendenti sono assicurati per tre mesi attraverso l’indennità d’insolvenza.

Con la domanda di apertura della procedura di insolvenza, è iniziata la ricerca di un investitore adatto: “Dovremmo entrare presto in contatto con potenziali parti interessate”, spiega Eckert. L’appalto sarà aggiudicato per l’investitore che offre la strategia più valida per il futuro.