Questo sito contribuisce alla audience di

Dublino fonte d'amore e nostalgia

Allegra, accogliente e culturale sono le parole che descrivono meglio la Capitale d'Irlanda.

Dublino è un città difficile da definire, affascinante e
allegra, culturale e religiosa, combattuta tra un passato antichissimo e
glorioso, e un presente fortemente  mirato al futuro. Proprio l’antico e il
moderno sono le peculiarità che immediatamente si mostrano  al visitatore
con uno stile architettonico incerto, che contrappone ad antiche case vittoriane
in pieno centro storico, opere in cemento di dubbio gusto (ad esempio il palazzo
della Zecca) ed il riutilizzo di monumenti in chiave moderna (Chiesa trasformata
in Ufficio del Turismo).

La città che ha dato i natali  a Wilde, Yeats, Joyce e molti altri
letterati conserva un patrimonio culturale enorme pur rivolgendosi alle nuove
tecnologie con grandi società informatiche al punto da rendere il software il
prodotto più esportato d’Irlanda. Ma la Capitale attraversata dal Liffey è
anche l’odore del malto nelle vicinanze dello stabilimento della birra Guinness
servita negli oltre 600 Public Houses (i Pub) , le stradine piene di gente che
chiacchiera vivacemente, i musicisti che suonano per strada, insomma il
quartiere molto amato dai turisti: Temple Bar.

Quest’ultimo è forse il miglior esempio europeo di recupero urbano, quelli che
un tempo erano palazzi abbandonati adesso rifioriscono come esempi di case
tradizionali, custodi d’architetture ormai scomparse. I centri culturali
rivestono un ruolo chiave in questa  rinascita con rassegne di film,
concorsi di scacchi, mercatini e numerose manifestazioni che avvengono
principalmente nelle uniche due piazze del quartiere. Vi consiglio di procurarvi
sin dal primo giorno di permanenza il programma delle attività e non perdete il
teatro dei bambini.

Vi sconsiglio, invece, fortemente la visita all’Hope Shop della Guinness che
ormai è solo una “tourist trap” con entrata a pagamento, ma soprattutto
perché un tempo era la visita alla fabbrica della “black pint” e
adesso è soltanto un dubbio museo con negozio.

Se siete cultori della tradizione birraia o semplicemente volete godervi la
migliore Guinness spillata d’Irlanda recatevi al Mullingan Pub in Poolbeg
Street 8 Dublin 2, rimarrete stregati dalla vera atmosfera di Pub irlandese per
niente turistico molto  differente del famosissimo Temple Bar Pub.

Se invece volete mangiare tipico, pagare il giusto prezzo e non rinunciare
all’atmosfera Irish chiedete dal Gallagher in Temple Bar, io vi consiglio Irish
Stew (carne d’agnello o montone lessata con brodo e verdure) e il Boxty (specie di crepe di
patate ripiena).

Dublino è un cuore palpitante di persone, viva e gentile che offre un caldo
abbraccio a tutti i suoi visitatori,  se saprete ricambiarlo potrete
portare con voi un po’ della  sua felicità,  ma anche un po’ di
malinconia che si placherà soltanto ritornando proprio come si fa con le
persone più care. 

La prossima volta si parlerà di:

I Pub ed il “crawling”

I Musei e le numerose statue celebri disseminate in
città

Trinity College dove è custodito il più antico libro
del mondo

Grafton Street

Nella foto St. Patrick’s Cathedral

Ultimi interventi

Vedi tutti