Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

prossimi 10 »
  • Chiedi a facebook l'oscuramento della pagina dedicata al mostro del Circeo.

    Angelo Izzo è su facebook. Le proteste che negli ultimi due giorni sono imperversate su internet anzichè contribuire alla rimozione della pagina hanno incrementato il numero dei suoi fan. Oggi le persone che hanno pensato di onorare Izzo divenendo suo fan sono 63. AGGIORNAMENTO ora 00.00: LA PAGINA NON E' PIU' VISUALIZZABILE SUL WEB.

  • Egitto: un altro giovane scrittore in carcere con l'accusa di apostasia.

    Un giovane scrittore egiziano, è detenuto da due anni nella prigione di Borg Al-Arabi, località desertica situata a metà strada tra il Cairo e Alessandria D'Egitto. Kareem, che al momento dell'arresto aveva solo 22 anni, è stato accusato di apostasia e condannato a quattro anni di reclusione (tre per apostasia ed uno per offesa al presidente egiziano Mubarack) a causa dei suoi scritti su internet.

  • Sardegna: emergenza sovraffollamento carcerario.

    Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa del Sindacato autonomo Lavoratori Penitenziari. "La situazione del sistema carcerario sardo, vede una carenza di personale e soprattutto un sovraffollamento delle carceri isolane".

  • Terremoto: la ricerca della verità può essere considerata una perdita di tempo?

    C'è chi non vuol sentire parlare di responsabilità. C'è chi liquida le inchieste della magistratura e quelle giornalistiche, sui crolli causati dal sisma in Abruzzo, come una perdita di tempo. Il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, invita attraverso le pagine delle principali testate nazionali, ad occuparsi di cose serie. "Per favore non perdiamo tempo, cerchiamo di impiegarlo sulla ricostruzione e non dietro cose che ormai sono accadute" dice il Premier.

  • Cercasi cane per Pet-Therapy

    Osservatorio Crimini Donne e Minori cerca in regalo cucciolo di cane, di taglia piccola, (preferibilmente razza Papillon o meticcio) per Pet-Therapy.

  • Solidarietà all'ex ministro Stefania Prestigiacomo.

    L'Osservatorio Crimini su Donne e Minori desidera esprimere solidarietà a Stefania Prestigiacomo (e a coloro che hanno deciso di unirsi al corteo ma sono state respinte con fischi, ingiurie e spintoni) per i comportamenti incivili di cui è stata oggetto durante la manifestazione nazionale contro la violenza sulle donne, tenutasi a Roma il giorno 24 Novembre.

  • Bimba scomparsa in Portogallo: famiglia diffonde foto.

    La bambina della foto è scomparsa nel nulla in Portogallo, nel villaggio turistico dove si trovava in vacanza. La famiglia per ritrovarla, sta diffondendo la sua foto in tutta Europa ed in tutto il mondo.

  • Firma l'appello contro la condanna del Prof. S.Allievi.

    Stefano Allievi, docente di sociologia e studioso dell'Islam, è stato denunciato per diffamazione da Adel Smith a causa di ciò che ha scritto di lui nel suo saggio intitolato "Islam italiano". Il Prof. Allievi è stato condannato a sei mesi ed a una pena pecuniaria di tremila euro. Firma contro questa anti-democratica sentenza ed appoggia la campagna di sensibilizzazione promossa da www.ildialogo.org

  • Al MinisterodellaGiustizia:pena esemplare per assassini di Tommy

    Al Ministero della Giustizia, Egregio Ministro Castelli, Premettendo che sia doveroso ed opportuno esprimere attraverso questo appello il nostro cordoglio ed il nostro dolore alla famiglia Onofri altrettanto opportuna è la richiesta al Ministero della Giustizia ed al Ministro Castelli della condanna ad una pena esemplare per gli autori del sequestro ed omicidio del piccolo Tommaso Onofri. Considerando l'efferatezza del delitto, le modalità di esecuzione, la freddezza con cui tali individui hanno perpetrato il crimine, la premeditazione del reato di sequestro a lungo maturata, la debolezza e lo stato di salute della vittima-minore. Considerando che gli autori dei reati hanno negato la loro implicazione in tale vicenda, rilasciando "commoventi" dichiarazioni tramite i Media ai presunti rapitori affinchè il piccolo fosse rilasciato, depistando così il frenetico operato della magistratura. Chiediamo, pur ribadendo la nostra contrarietà all'applicazione della pena di morte, di garantire la certezza di una pena esemplare per gli autori dell'omicidio del piccolo Tommaso Onofri; la garanzia che in futuro quando la rabbia e lo sdegno negli animi si saranno placati e l'assassinio di Tommaso caduto nell'oblio si neghi la possibilità di avanzare e concedere sconti di pena o misure alternative per gli individui che si sono macchiati di tale abberrante reato.

  • Appello dei familiari dei reclusi nel carcere di Lodi.

    Pubblichiamo di seguito una delle tante lettere di protesta dei familiari dei detenuti del carcere di Lodi.