Questo sito contribuisce alla audience di

Istituti penitenziari

Differenziazione tra istituti penitenziari. Condizioni igieniche interne. Igiene personale. Vitto giornaliero. Possesso di oggetti personali .Utilizzazioni degli spazi all'aperto.

Gli istituti penitenziari per adulti si distinguono in:

Istituti di custodia cautelare (case circondariali) in cui sono ristretti gli imputati, nonchè i condannati ad una pena non superiore ai tre anni

Istituti per l’esecuzione della pena (case di arresto/reclusione)

Istituti per l’esecuzione delle misure di sicurezza (colonie agricole, case di lavoro, case di cura e custodia, ospedali psichiatrici giudiziali)

Condizioni igieniche degli istituti:

I locali in cui si svolge la vita dei detenuti devono essere igienicamente adeguati.

Le finestre delle camere devono consentire il passaggio diretto di luce e aria naturali.

Nelle celle sono approntati pulsanti per l’illuminazione artificiale delle camere, nonchè per il funzionamento degli apparecchi radio e televisivi. Il personale può proebire l’uso di questi apparecchi quando l’utilizzazione di questi pregiudichi l’ordinaria convivenza dei detenuti.

Per i controlli notturni da parte del personale la illuminazione deve essere di intensità attenuata.

I detenuti, che siano in condizioni fisiche e psichiche che lo consentano, provvedono direttamente alla pulizia delle loro celle e dei relativi servizi igienici. A tal fine sono messi a disposizione strumenti per la pulizia.

Servizi igienici:

I servizi igienici sono collocati in un vano annesso alla camera. I vani in cui sono collocati i servizi igienici forniti di acqua calda e fredda corrente sono dotati di lavabo e di doccia.

Igiene personale:

Gli uomini e donne possono far uso di una determinata lista di prodotti per l’igiene personale.

Per gli uomini e per le donne sono, rispettivamente, organizzati servizi di barbiere e di parrucchiere, di cui essi possono usufruire periodicamente.

Vestiario e corredo:

L’amministrazione provvede a fornire il corredo del letto, i capi di vestiario e di biancheria personale. Tuttavia i detenuti possono far uso di abiti e di corredo personale di loro proprietà (spesso sono i familiari a portare gli abiti ai reclusi, quando li incontrano per il colloquio settimanale, facendosi autorizzare dal personale penitenziario)

E’ assicurato un servizio di lavanderia al quale i detenuti possono accedere , anche a loro spese.

Oggetti di proprietà personale:

E’ ammesso il possesso di oggetti di particolare valore morale o affettivo qualora non abbiano un consistente valore economico e non siano incompatibili con l’ordinario svolgimento della vita nell’istituto.

Vitto giornaliero:

Ai detenuti vengono somministrati giornalmente tre pasti. Negli istituti, tuttavia è consentito l’uso di fornelli all’interno delle celle. Quindi gli internati preferiscono cucinare autonomamente i pasti.

Utilizzazione degli spazi all’aperto:

Gli spazi all’aperto sono utilizzati,oltre che per la cosidetta “ora d’aria”, per lo svolgimento di attività trattamentali ed in particolare per attività sportive, secondo i programmi predisposti dalla direzione.

Colloqui con conviventi o familiari:

I colloqui visivi con i familiari sono permessi settimanalmente ed avvengono in apposite sale. Nella maggior parte degli istituti penitenziari italiani non c’è vetro di separazione nei luoghi dove avvengono i colloqui.

I colloqui telefonici sono concessi una volta a settimana, previa richiesta alla direzione.