Questo sito contribuisce alla audience di

"Fatti della banda della Magliana"

Girato all'interno del carcere romano di Rebibbia è un film interpretato da attori professionisti e detenuti.

Un film sperimentale, costato appena 500 mila euro. Trasmesso dal 27 Maggio nelle sale cinematografiche.

È “Fatti della banda della Magliana”, opera seconda diretta dal regista Daniele Costantini e ispirata allo spettacolo teatrale “Chiacchiere e sangue”, da lui scritto e diretto. Prodotto dalla Goodtime Enterprise e dall’Istituto Luce (che lo distribuisce nelle sale dal 27 maggio in 15 copie), la pellicola ricostruisce la “straordinaria” vicenda della famigerata organizzazione criminale che tra il 1977, anno della sua costituzione, e i primi anni ‘90 dominò sulla città di Roma, attraverso il traffico di stupefacenti e la connivenza con mafia, politica, terrorismo nero, massoneria e servizi segreti deviati. Una pagina di storia che ha ispirato anche il giudice Giancarlo Di Cataldo per il suo “Romanzo criminale” e ora riscoperta dal cinema, con Michele Placido che ha appena terminato le riprese del suo nuovo film, ispirato proprio al libro di De Cataldo, e Daniele Costantini.