Questo sito contribuisce alla audience di

Droga: nuove norme.

Una tabella unica per le sostanze stupefacenti, che non fa distinzione tra droghe leggere e pesanti; pene da 6 a 20 anni per i reati di spaccio e traffico di qualunque tipo di sostanza; possibilità per chi è condannato a pene inferiori ai 6 anni di usufruire di misure alternative; sanzioni amministrative per i consumatori. Sono i punti di maggior rilievo delle nuove norme in materia di droga, approvate ieri dal Senato.









Dal Giornale


I voti a favore sono stati 148, i no sono stati 82. Con la nuova legge saranno punibili «con la reclusione e con la multa» chi «coltiva, produce, fabbrica, estrae, raffina, vende, offre o mette in vendita, cede, distribuisce, commercia, trasporta, procura ad altri, invia, passa o spedisce in transito, consegna per qualunque scopo sostanze psicotrope», adesso segnalate in un’apposita tabella già presente nel provvedimento.
La definizione del quantitativo per «uso personale» viene rinviata ad un successivo decreto del ministero della Salute di concerto con la Giustizia.

Chi detiene un quantitativo inferiore a quello che verrà indicato e per il quale sia provato l’uso personale, potrà essere sottoposto a una serie di sanzioni amministrative. Ossia, «sospensione della patente di guida, della licenza di porto d’armi, del passaporto e di ogni altro documento equipollente o ancora sospensione del permesso di soggiorno per motivi di turismo o divieto di conseguirlo se cittadino extracomunitario».
«Non si tratta affatto di un intervento repressivo se non per quello che riguarda lo spaccio»,

Argomenti