Questo sito contribuisce alla audience di

Nessuno dovrà saperlo

"Nessuno dovrà saperlo" è il titolo di un libro autobiografico. Il titolo già dice tutto. E' ciò che il prete pedofilo dice all'Alessandro collegiale tredicenne nel confessarlo dopo aver abusato di lui.

Da Bipensiero.it

“Nessuno dovrà saperlo” è il titolo di un libro autobiografico. Il titolo già dice tutto. E’ ciò che il prete pedofilo dice all’Alessandro collegiale tredicenne nel confessarlo dopo aver abusato di lui.
Bruno Zanin è forse più noto come attore che come scrittore. Ricordate il giovane Titta di Amarcord? L’autore, che ci ha concesso la pubblicazione di un intero capitolo del proprio romanzo, quello in cui si parla dell’abuso subito da giovane da parte del prete salesiano del Collegio dove studiava per diventare prete, così racconta a Maria Serena Palieri dell’Unità dell’incontro col grande Maestro:
Mi recai a Cinecittà sperando di essere preso anch’io per un western, ma nonostante i miei capelli lunghi mi avevano scartato.
Ero deluso, arrabbiato, quando vidi la fila interminabile davanti alla porta dello Studio 5. Mi misi in coda anch’io per vedere il grande Fellini. Lui entrò, con certe madonne addosso, scontento di tutte quelle facce che gli sottoponevano per i provini. Io avevo una consuetudine di visioni, preveggenze. Cose strane, che non capivo. Oggi credo siano fenomeni isterici, qualcosa che succede a persone cui il dolore ha acuito la percezione e che non hanno più i muri, sono trasparenti. Quando ho visto Fellini devo avergli mandato un messaggio come a dire “prendimi” e ho provato una grandissima emozione, come s

e mi avesse “trovato”. Come se lui avesse visto chi ero sotto le maschere che portavo. Vivendo sulla strada, dovendo sopravvivere, ero diventato Zelig“.

Alcune sue parole che esprimono il suo attuale stato d’animo:

Sono fortemente scosso, incazzato nero, deluso per come i vescovi e il Vaticano giustificano la propria ipocrita posizione, la ridicola autodifesa e debole giustificazione che tirano fuori alle accuse di aver nascosto, protetto, taciuto, insabbiato, sminuito le colpe e le responsabilità dei preti pedofili”.

Scarica il primo capitolo del libro:

http://www.bispensiero.it/index.php?option=com_content&task=view&id=264&Itemid=109