Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

prossimi 10 »
  • Violenza psicologica

    Da Crimini su Donne e Bambine originarie delle società patriarcale e tribali (e non solo).

  • Le riflessioni di Ugo sul fenomeno della violenza di genere.

    Essendo aperti anche a riflessioni, contrarie alle nostre, riporto un articolo, pubblicato oggi sul Blog Giustiziaintelligente. Il blog è firmato da tale Ugo. Ma chi è questo Ugo? Non c'è un indirizzo, un numero di telefono, un curriculum vitae. Questo misterioso scrittore, indubbiamente capace nell'esporre le proprie considerazioni, si è occupato fino a ieri di contestare l'attività delle associazioni che si occupano di abusi su minori.(ad esclusione di una) Ma da stasera Ugo, ritenendo che questo non sia sufficiente, prendendo spunto da un articolo della rivista Donna Moderna, ha deciso di concentrare la sua attenzione sul fenomeno della violenza di genere, contestando l'attività delle associazioni femministe, dei centri anti-violenza, dei gruppi di ricerca sulla violenza di genere e per concludere l'operato del Ministero delle Pari Opportunità. Ma leggiamo il suo articolo....

  • Con gli occhi di un uomo.

    Lo stupro e la violenza di genere vista con gli occhi di un uomo.

  • Il Vademecum anti-denuncia di FalsiAbusi

    Riporto di seguito il vademecum pubblicato sul sito Falsi Abusi, associazione presieduta da Vittorio Apolloni. In un primo momento si è pensato ad ironia usata per esorcizzare il pericolo di ingiuste accuse e conseguenti denuncie per pedofilia. Ci siamo accorti invece che tale materiale fa parte della documentazione scientifica del Centro e tali indicazioni vengono attualmente divulgate, tramite volantini, nelle scuole materne. Mi chiedo, e trattasi soltanto di perplessità personali, se gli illustri s esperti che collaborano con l'associazione Falsi Abusi (tra cui lo stimabile Prof. Gulotta) condividono ed approvano il diffondersi di questa sorta di regolamento che comprende "evitare al massimo ogni contatto fisico con i bambini, anche semplici gesti affettuosi come carezze, coccole, dare una caramella" e il divieto di raccontare fiabe ai bambini; "evitate assolutamente ogni rappresentazione di personaggi fantastici legati ai tradizionali universi fiabeschi (Cappuccetto Rosso e il lupo cattivo, Biancaneve e i sette nani, la perfida strega, Robot Pallino...).

  • Padre educa figlio a culto donna-oggetto, condannato.

    da Ansa PESCARA - Non si può educare un figlio attraverso un modello basato sul concetto di donna-oggetto, passiva ai desideri sessuali del maschio. E' la motivazione di una sentenza emessa dalla Corte d'Appello de L'Aquila, che ha condannato un padre che aveva istigato il figlio di quattro anni al culto del 'macho'. La sentenza n. 3712, depositata il 20 novembre scorso, ribalta una precedente assoluzione del tribunale di Pescara e spiega che "la donna non può essere soggetto meramente complementare e subordinato nella vita dell'uomo, strumento di mero piacere e di sfogo sessuale".

  • Ministro Amato: "Allarme Baby Prostituzione".

    (ANSA) - BENEVENTO, 18 NOV - In Italia ci sono bambini che giocano a dadi e che pagano i loro debiti organizzando la baby-prostituzione. E' l'allarme lanciato da Benevento dal ministro dell'Interno Giuliano Amato.

  • Roma 24 novembre, contro la violenza sulle donne.

    Il 24 Novembre a Roma avrà luogo una manifestazione nazionale contro ogni forma di violenza perpetrata sulle donne. Firma l'appello sul blog www.controviolenzadonne.org

  • Si cerchi equilibrio tra sicurezza e accoglienza.

    Osservatorio criminologico : si cerchi equilibrio tra sicurezza e accoglienza. La violenza e i crimini perpetrati sulle donne non dovrebbero interessare soltanto le donne, le operatrici dei centri anti-violenza, chi se ne occupa a livello criminologico e professionale,la politica. I fatti terribili ed attuali dovrebbero scuotere la coscienza dell'intera società e portare ad una comune riflessione. Cercare equilibrio tra sicurezza e accoglienza, a nostro parere, è cosa non semplice, e significa andare alla ricerca di modalità d'intervento utili a distinguere, tra gli immigrati, coloro che necessitano di assistenza perchè poveri ed emarginati e coloro che non sono recuperabili perchè stentano ad adeguarsi alle leggi del nostro paese e non riescono ad uscire dal circuito della violenza e della criminalità.

  • A. Franzoni: a oggi non sono state approfondite altre piste.

    Lo sfogo di Annamaria Franzoni, che commenta con amarezza le motivazioni della sentenza che l'ha condannata in secondo grado a 16 anni per l'omicidio di Samuele. "Mi è stato tolto un figlio atrocemente e sono ormai 6 anni che vivo con questo dolore reso ancora più dilaniante da un’accusa ingiusta. Il deposito delle motivazioni rinnova in me la profonda delusione per una giustizia che non ha il coraggio di dire: forse sto sbagliando». La solita accusa: l’atteggiamento della giustizia «rende sempre più difficile la ricerca della verità. E’ giusto aver indagato in casa, nella nostra famiglia, ma purtroppo si è rimasti solo dentro questi ambiti, cosicché a oggi non sono ancora state approfondite altre piste. Quindi anche quelle del vero colpevole".

  • Delitto Cogne: oggi la sentenza.

    Le ultime batture del difensore di Annamaria Franzoni.