Questo sito contribuisce alla audience di

Trattamento Farmacologico

Diversi i farmaci utilizzati, a seconda dello stadio della malattia e delle condizioni locali e generali del paziente

Le strategie di trattamento per rallentare il decorso della malattia ma soprattutto per ridurre il rischio di complicanze cardiovascolari, si basano sull’utilizzo degli antiaggreganti piastrinici (Ac. Acetilsalicilico, Ticlopidina, Clopidogrel ecc.).

Anche le Statine ed il Ramipril hanno mostrato di potere efficacemente ridurre le complicanze.

La Pentossifillina ed il Buflomedil vengono sovente utilizzati per la capacità di migliorare il flusso microcircolatorio (effetto emoreologico).

Da non sottovalutare l’efficacia di un componente naturale, la Gingko Biloba per l’attività anti- radicali liberi, antiaggregante ed emoreologica.

L’associazione inoltre con l’Allium Sativum sembra che ne potenzi l’efficacia.

Diverso il trattamento dell’ischemia critica, che si avvale soprattutto dei prostanoidi e dei trombolitici, evidentemente somministrati solo in Reparti Specialistici.

Le categorie della guida