Questo sito contribuisce alla audience di

Il giardino dei tarocchi 1 parte

Abbiamo un capolavoro in Italia e nessuno lo sa...

C’è un parco in Italia, dedicato tutto, ma proprio tutto ai tarocchi, agli arcani maggiori, è qui, ad un passo da tutti noi, in Toscana, nel comune di Capalbio, in provincia di Grosseto, sulla via Aurelia uscita Pescia Fiorentina…..

 

Una spettacolare unica riproduzione dei tarocchi, ad opera della scultrice, ormai purtroppo defunta, Niki de saint Phalle.

Scriveva l’autrice: Il giardino dei tarocchi non è il mio giardino ma appartiene a tutti che mi hanno aiutata a completarlo.Io sono l’architetto di questo giardino. Ho imposto la mia visione perchè non ho potuto fare altrimenti ( omissis)…….Niki de Saint Phalle

Ecco l’imperssione autentica di una visitatrice, la sottoscritta, entrando nel giardino:

Sono arrivata, in un tiepido pomeriggio estivo, minacciava pioggia, ed eccolo lì, appena uscita dalla statale a Pescia Fiorentina, te lo trovi dopo 200 m circa sulla sinistra, immediatamente imponente con queste sculture gigantesche che si scagliano verso l’altro quasi come una visione irreale, un sogno per qualcuno, un incubo per altri….

La cosa che mi ha fatto più impressione, arrivando, è che non c’era una macchina con targa italiana, ero l’unica italiana in terra d’Italia.  Assurdo e incomprensibile, io stessa non ne avevo mai sentito parlare se non attraverso internet, nelle mie ricerche di guida, ma…. come tutte le coincidenze, non vengono mai per caso, la mia scoperta non era una scoperta, ma solo una conoscenza prima di poterlo vedere, solo per caso (lo vogliamo raccontare così?) avevo prenotato tempo fa la mia vacanza sull’Argentario, solo per caso qualche giorno prima di partire avevo letto del giardino dei tarocchi, solo per caso una adolescente mi ha condotto fino a qui, già un’adolescente curiosa…. L’impressione, arrivando nel giardino è proprio quella…. un sogno, un sogno realizzato con grande fatica e tanto tanto impegno, e per far rima: ingegno 

Ancora l’autrice: Questo giardino è stato fatto con difficoltà, con amore, con folle entusiasmo, con ossessione e, più di ogni altra cosa, con la fede. Niente e nessuno avrebbe potuto fermarmi.

E’ vero, solo una forte volontà poteva attuare e dare forma ad una visione come questa….

Nel giardino dei Tarocchi sono rappresentate le 22 carte dei Tarocchi (Arcani maggiori) in ciclopiche sculture, alte circa 12/15 metri, ricoperte di mosaici in specchio, vetro pregiato e ceramiche. Durante la visita incontriamo: “Il Mago” con la sua mano ricoperta di piccole tessere di specchi, sotto “la sacerdotessa” con una bocca con cui la scultrice ha voluto fare un omaggio al giardino di Bomarzo da cui fuoriesce una piccola cascata di acqua che scivola su dei gradini ricoperti di sfoglie di ceramica, finendo in una fontana dove al centro si muove la ruota della fortuna con i suoi getti d’acqua. 

 http://www.capalbio.it/DaVedere/Giardino%20di%20Tarocchi.htm

Ma non basta leggerlo, bisogna andare a vederlo!

Segue……..


 

Ultimi interventi

Vedi tutti