Questo sito contribuisce alla audience di

Barbapapà-barbapapà

Il barbapapà non si può non conoscere. Non si può capire, né spiegare. Si deve amare. Un Barbapapà è un Barbapapà

Barbapapà

Il barbapapà è’ una sorta di personaggio gommoso, un blob, un ectoplasma solido, che ha la singolare capacità di modellare il suo corpo a piacimento. Esiste addirittura una famiglia di Barbapapà, tutti di colori differenti e di inclinazioni differenti. E tutti possono mutare forma quando e come vogliono (“…tu li vedi trasformare..”).

Barbapapà è il risultato dell’immaginazione di Annette Tison e Talus Taylor. Dovevano scrivere una relazione insieme e insieme crearono il primo Barbapapà. Subito dopo si sposarono. Ancora oggi vivono a Parigi e sono felicemente uniti in matrimonio. Come ricorda sempre Annette nelle sue interviste, il nome “Barbapapà” deriva dalla parola francese “cotton fioc”, termine che al contempo ricorda la sua natura amorfa e morbida. “Barbapapà” era inizialmente il primo libro in una lunga serie dedicata ai bambini. Divenne subito un classico e un modello per i successivi, che si intitolarono “La Casa di Barbapapà” e “La scuola di Barbapapà”. Ma ne seguirono molti altri. In questi libri, si fece subito conoscere il buono e gentile patriarca, sempre impegnato alla ricerca di una compagna. Quando finalmente riuscì a trovare Barbamamma non solo loro furono contenti. La gioia fu generale quando quest’ultima diede alla luce i sette bambini colorati: (Barbottina la scienziata, Barbaforte il forzuto, Barbablù l’astronomo, Barbabarba il pittore,Barbabellala vezzosa, Barbalalla la musicista, Barbazoo l’amante degli animali).
A questo punto, la famiglia fu completa. Iniziarono così le loro avventure che riuscirono a trasmettere il rispetto della natura e che tanto affascinarono un’intera generazione di piccoli appassionati. E tutt’oggi provate a chiedere ad un trentenne “ma chi sono i Barbapapà”, comincerà sicuramente ad intonare le strofe della canzone, sigla del cartone animato, negli anni ’70 cantata niente di meno che da Roberto Vecchioni insieme alle mele verdi.
adattato da www.cartoni.it http://www.cartoni.it/articoli/2001/04/20/97941.php


Barbapapà Barbapapà Barbapapà Barbapapà Barbapapà

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti