Questo sito contribuisce alla audience di

Hi Hi Puffy Ami Yumi

dal 31 ottobre su Cartoon Network

Hi Hi Puffy Ami Yumi

dal 31 ottobre su Cartoon Network

Su Cartoon Network arriva, Hi Hi Puffy Amy Yumi .

protagoniste della serie sono 2 vere popstar giapponesi il cui grande successo, sia nel paese del Sol Levante che negli USA, ha convinto i Cartoon Network Studios di Los Angeles a realizzare un cartoon ispirato alla band. Il loro primo singolo, Asia No Junshin, ha venduto 1 milione di copie, rendendole, da un momento all’altro, delle superstar. La serie animata. Hi Hi Puffy Ami Yumi racconta, con grande ironia, le avventure delle due ragazze durante i loro concerti, senza tralasciare la loro vita privata. Le vedremo mentre vanno in giro per Tokyo a fare shopping o viaggiano per il mondo con il loro pullman, un’autentica abitazione su quattro ruote fornita di tutti i comfort. La serie contiene anche degli spezzoni live action (eccezione per le serie trasmesse su Cartoon Network) interpretati dalle vere Puffy Ami Yumi

Puffy AmiYumi

http://www.sonymusic.co.jp/eng/PuffyAmiYumi/

Cartoon Network | The Hi Hi Puffy AmiYumi Show

Per capire di cosa stiamo parlando tratto da http://www.nippon.it/

Puffy Ami Yumi: una macchina perfetta

Si chiamano Puffy Ami Yumi e, sebbene il nome sia tipico di un mondo al quale si avvicinano solo esteticamente, quello di Hello Kitty per intenderci, sono una vera rivelazione musicale. Ami Onuki e Yumi Yoshimura formano un duo davvero dinamico e versatile, capace di attrarre l’attenzione del grande pubblico non per il look, ma per le belle canzoni interpretate. Si sa, infatti, che il mondo del J-Pop è spesso caratterizzato da improvvise e seducenti rivelazioni, prive, però, di validi contenuti. Le Puffy sono un caso a parte: trovandosi sulla cresta dell’onda ormai dal ’96, hanno pienamente superato la fase critica di affermazione e possono considerarsi a tutti gli effetti delle star della canzone giapponese. Qualcuno aveva visto nella loro nascita, l’ennesima coppia di aidoru (idolo), creata con l’obiettivo di cavalcare l’onda dei facili successi, per poi farle scomparire senza lasciare alcun segno. Ma, non è certo questo il motivo che ha permesso a Ami e Yumi di diventare un duo vincente. Si tratta, invece, di una combinazione fortunata e perfetta di voci, compositori e produttori. La loro sintonia vocale ha colpito subito la Sony, che ha proposto alle due ragazze di unirsi, avendo intravisto per la coppia un futuro sicuramente luminoso. Infatti, Ami e Yumi hanno subito creato un singolo di successo “Asia No Junshin”, insieme al popolare compositore e produttore Tamio Okuda, che faceva parte della band Unicorn, e con l’aiuto di Andy Sturmer, l’ex batterista dei Jellyfish. La vendita di un milione di copie ha spianato la strada alla carriera di questo duo sorprendente e, in breve tempo, la Puffy-mania è dilagata in Giappone. Attualmente hanno all’attivo ben 16 milioni di vendite tra singoli e album, guadagnandosi un posto nelle vette delle hit giapponesi e una pioggia di offerte pubblicitarie e televisive. I loro pezzi fanno da sfondo a reclame dei cosmetici Shiseido, degli scooter Yamaha e delle bibite Kirin. Inoltre, a completamento della loro affermazione mediatica, conducono un varietà settimanale tutto loro, chiamato “Pa-Pa-Pa-Pa Puffy”, con ospiti di fama internazionale come Harrison Ford e gli Aerosmith che chiacchierano, suonano e cucinano con loro. Ma, veniamo alla loro musica. Le Puffy sono dotate di una sensibilità davvero eclettica e la loro produzione abbraccia i generi più disparati, ma sempre con un tocco di originalità impresso dalle loro voci. Nell’ultima compilation “An Illustrated History”, si va dai ritmi della disco (Electric beach fever), ai toni della samba (Ai no Shirushi – Sign of love) e ancora si rivive il pop anni ’70 stile Beatles (Love so pure). A questo proposito, Andy Sturmer ha affermato di essere molto felice di seguire la carriera di due ragazze così versatili e con delle voci così adattabili alla varietà degli stili proposti. In effetti, in questo secondo e ultimissimo album delle Puffy, dove si alternano canzoni in giapponese a canzoni in lingua inglese, il ritmo cambia brano dopo brano, dando vita ad un pop multietnico, a volte vicino alla rumba latino-americana, a tratti, invece, molto simile al beat italiano degli anni ’70, con brevi momenti di rock più duro. Anche i testi seguono questo stile variegato, proponendo contenuti romantici, scanzonati o più intimistici. Il look, a cui si accennava prima, contribuisce a dare un’immagine d’insieme molto singolare, soprattutto se accostata alla molteplicità dei generi musicali affrontati. Le Puffy Ami Yumi seguono uno stile tipico dei giovani giapponesi, ovvero quello che ripropone le forme e i colori dei manga. Il loro, infatti, è il tipico stile dooru raiku o da bambolina che sembra essere attualmente quello di maggior successo in Giappone. Non mancano, però, spunti di originalità che le fan cominciano ad imitare alla loro prima apparizione in pubblico. A proposito di pubblico e di look, in un’intervista rilasciata al “Seattle Weekly”, Yumi ha affermato di amare il contatto con i fan, ma talvolta preferirebbe che i seguaci delle Puffy non conoscessero la loro immagine e si limitassero ad ascoltare le loro canzoni: in questo modo si eliminerebbe qualunque preconcetto e trionferebbe solo la musica. Probabilmente, il duo risente del peso di tutta l’organizzazione che sta dietro la propria immagine e questo, talvolta, influisce sulla concentrazione rivolta alla loro arte. Per la grafica del nuovo CD, perfettamente in linea con lo stile fumettistico, è stato richiesto l’intervento di Rodney Alan Greenblat che ha creato per il duo una grafica adatta a tutte le età. Le due protagoniste sono raffigurate come due personaggi dei manga, circondate da oggetti e colori tra il pop e lo psichedelico. Rodney è un artista molto apprezzato in Giappone, famoso per aver disegnato i personaggi del gioco Parappa the Rapper per la Sony Playstation e per aver decorato con le sue opere un ristorante trendy nel quartiere Aoyama a Tokyo. Una macchina perfetta, quella delle Puffy Ami Yumi, capace di garantire notorietà e successo in Giappone e addirittura negli USA. La conquista più esaltante per le due giovani interpreti è il mercato statunitense, ancora limitato, ma solo per poco. Il tour in Usa e in Canada dello scorso luglio, infatti, ha decretato la loro affermazione non solo come cantanti, ma anche come animatrici dei concerti, avendo dato vita a degli show indimenticabili, soprattutto per l’energia trasmessa. Ma, a guardarle non si direbbe affatto che siano capaci di sprigionare tanta vitalità, anche perché quando parlano con i giornalisti dimostrano quella tipica timidezza delle ragazze giapponesi. Non a caso, recentemente il Washington Post ha pubblicato una loro intervista, commentando che le Puffy del palcoscenico sembrano così diverse dalle ragazze insicure e riservate incontrate durante il tour statunitense. Sembrano quasi estranee al loro stesso successo e stentano a riconoscere che la loro carriera è al top.
(articolo scritto per il n. 1 della rivista Neo Tokyo)

Le Puffy Ami Yumi sono una grande rivelazione musicale. Le loro voci hanno incantato non solo il Giappone, ma anche gli Stati Uniti. La varietà degli stili delle canzoni contenute in questo ultimo CD, “An Illustrated History”, farà sicuramente colpo anche su di voi!
Le Puffy hanno un’agilità musicale nel creare melodie che spaziano dal rock al pop e dai ritmi latino-americani alla disco. Andy Sturmer dei Jellyfish ha contribuito all’ideazione dei brani e al loro successo.

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)
  • cavallo90

    25 Aug 2009 - 12:22 - #1
    0 punti
    Up Down

    grandi le puffy!molto brave loro e carino il cartone

  • dalinchia

    15 Jul 2010 - 21:33 - #2
    0 punti
    Up Down

    siete grandi puffy vi guardo sempre

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti