Questo sito contribuisce alla audience di

LEZIONE 6: I VOLUMI DEL CORPO: LE MANI

Eccoci giunti alla parte del corpo che, a parer mio, è la più complessa e più difficile da disegnare: la MANO, alla quale (come detto la scorsa volta) dedicherò un’intera lezione.






























Partiamo dalla struttura che sta alla base della mano:



Ora che abbiamo trovato le linee e le forme piatte, proviamo a ricercarne i volumi, usando:

1. una sfera per il polso,
2. un parallelepipedo per il palmo/dorso
3. una serie di sferette per nocche e giunture
4. una serie di cilindretti per le falangi



E dopo aver trovato questi volumi nella vista più semplice… proviamo con altre posizioni:




Ok, ora qualche mio esempio ce l’avete, quindi viene il vostro turno: semmai, per facilitarvi le cose, oltre a copiare da foto di giornali, riviste , ecc… chiedete a fratelli, nonni, amici se vogliono farvi da “cavie” … ehm … “modelli”, che restino in posa a farsi copiare le mani. Perché, copiando dal vivo, avete la possibilità di toccare le mani, per capirne meglio la struttura anatomica interna.

Infine, per concludere questa lezione, manca solo un esempio per farvi capire la distinzione tra il disegno di una mano da uomo rispetto a quello di una mano da donna:

• per la mano da uomo dovete ACCENTUARE nocche, protuberanze e rughe della mano.



• per la donna, invece, mentre disegnate i contorni, fate delle LINEE MORBIDE, senza troppe protuberanze, e soprattutto ASSOTTIGLIATE.


Concludo dicendovi, come sempre: allenatevi bene nel disegno delle mani, in queste due settimane che avete di tempo prima dell’arrivo della nuova lezione: le gambe.

A presto.
Paola.

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti