Questo sito contribuisce alla audience di

il grande regno in una piccola casetta di legno e marmo.....

- Capitolo 8° -

gli occhi oltre mare di Proteo sono intrisi di dolore e disperazione…….non avrebbe mai e poi mai voluto far uscire il suo lato oscuro….non voleva risvegliare in se quel potere….lui è una creatura d’acqua,una creatura, come Corinne,in grado di chiudersi in un involucro umano….ma una creatura è pur sempre una creatura,non può cambiare questo…..
dietro di lui tutti i suoi “figli” lo seguirono,ci sono anche jon e william….tutti gli altri draghi degli elementi e le creature mitologiche greche allevate dalla nascita da lui stesso….nessuno mancava all’appello….tutti sono pronti a qualunque cosa,pur di aiutare quella creatura di nome Proteo…..
arrivati davanti al castello incontrarono le guardie personali del re,appena lo videro gli si scagliarono contro,ma una bufera li lanciò in aria,Proteo continuò a camminare tranquillo mentre i suoi figli gli liberarono la strada….non poteva usare il suo potere con quelle creature di bassa leva…doveva mantenerlo per lui,per il re….
attraversarono tutte le stanze,una per una,alla ricerca di Corinne,alla fine la trovarono….
era seduta sul trono,era vestita di nero e d’oro,i suoi occhi erano chiusi,i capelli sono racchiusi in una lunga treccia che le cadeva sul grembo,non si mosse nemmeno quando le creature-guardie vennero scagliate a pochi centimentri da dove è seduta….
Proteo le se avvicinò calmo e silenzioso….lei non si muove ancora,lei è in attesa…aspetta il momento giusto…..
Proteo le è a pochi passi,mette la mano sinistra nella tasca e prende un oggetto in mano…
le porge il braccio con la sua collana nella mano la sua voce è calma e decisa…..ma anche triste…..
Corinne succhiuse gli occhi….sono diventate due piccole fessure che fissavano minacciosamente….

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti