Questo sito contribuisce alla audience di

”red love like blood” cap3

… La preparazione …

3

… La preparazione …

Il sole era ormai tramontato ed Eva si’ avvicino’ alla bacinella colma d’acqua calda.Era profumata di lavanda,il suo fiore preferito e in un attimo ci si immerse dentro.Non aveva fatto altro che pensare per tutta la giornata alle parole dello zio!L’avevano lasciata contenta da un lato ma turbata dall’altro perche’ sapeva che poteva fare ben poco per cambiare la situazione.

Voltandosi a un rumore proveniente dalla porta,si volse nello stesso istante in cui Gledis varcava la soglia.

dichiaro’ soddisfatta la domestica.

rispose mentre si chiedeva se Gledis fosse stata a conoscenza dell’eredita’ di suo padre.

si affretto’ a domandare

si affretto’ a rispondere Gledis<…so’ tutto piccola mia e credimi se avessi potuto fare qualcosa lo avrei fatto,ma.. Lord Turner è il vostro tutore e solo lui puo’ decidere il tuo futuro per ora ovviamente!>

proferì Eva in tono perentorio.

ribatte’ la domestica

balbetto’ con gli occhi colmi di lacrime.

ammoni’ Gledis mentre l’avvolgeva in telo per asciugarla.

Probabilmente aveva ragione,rifletteva Eva mentre osservava i suoi capelli prendere forma in uno splendido chignon alla nuca tempestato di pietre azzurre.L’abito in raso aveva delle sfumature lungo le maniche color del sottobosco,con un ampia scollatura a cuore adornata da delle minuscole perline che riflettevano la luce.

dichiaro’ la domestica evidentemente soddisfatta del lavoro svolto.

rispose a malincuore.

cosi’ dicendo Gledis si congedo’ e Eva si diresse al piano inferiore.

Lady Catrin avvolta in un abito di seta rosso era appoggiata alla poltrona mentre Donald si sistemava il frac nero.

Eva si fermo’ per un istante ad osservarli e le costava ammetterlo,ma la serata che l’attendeva la innervosiva .

Lord Turner alzo’ gli occhi e con aria compiaciuta le rispose con un sorriso.

proferi’ milady passandole davanti con sguardo indifferente

Lo zio porse il braccio a Eva e con voce roca le disse

Con sua sorpresa rispose a sua volta con un sorriso…in certi momenti lo zio le ricordava suo padre.

Durante il tragitto nessuno apri’ bocca.Era difficile distinguere qualcosa nel buio all’esterno e cio’ le fece capire che non si trovavano in una zona del centro,dove le strade erano ben illuminate.Dopo un certo tempo Eva inizio’ a vedere una lunga strada affiancata da lanterne alle cui basi c’erano aiuole di fiori,il cui profumo inebriava l’aria.

Solo dopo poco si accorse che in fondo si intravedeva un palazzo enorme bianco tempestato di luci.Lo sportello venne aperto del vetturino che aiuto’ a scendere prima Lady Catrin,poi lei e per ultimo lo zio.L’uomo si congedo’ con inchino lasciandoli davanti all’ingresso che brulicava di dame scintillanti nel loro abito da sera.

< Vieni dobbiamo entrare.>la voce dello zio la risveglio’ e si accorse che milady la osservava con sguardo severo.

Si affretto’ ad aggrapparsi alla ringhiera d’ingresso,si sentiva barcollare tanto era l’emozione, facendosi forza entro’ a palazzo.

”red love like blood”
è una storia di vampiri,avvolta da un’ atmosfera antica e gotica by lady kuran

”red love like blood” cap2
… Eva …

Le categorie della guida

Ultimi interventi

Vedi tutti