Questo sito contribuisce alla audience di

I sogni di Giovanna

Questa serie, che racconta i sogni di Giovanna e i suoi incontri con Tommasone, il drago del sogno, fa vivere sullo schermo televisivo le avventure di personaggi già presenti da circa trent’anni in forma di libri per bambini e di racconti a fumetti, scritti e illustrati da Cristina Làstrego e Francesco Testa. Il progetto è frutto di una co-produzione tra Rai Fiction e Lastrego & Testa Multimedia.

Serie in animazione di 52 episodi da 6’e 30” per bambini fra i 4 e i 7 anni.

Giovanna è una bimba coraggiosa e decisa, dal carattere lieto e solare. Non è bella, ma è simpatica. Abita in una città così grande da lasciare poco spazio per i bambini. Nella sua casa la vediamo sola con Ciccio, il suo cane, ma con tanti libri, perché Giovanna ama leggere. Ama anche fantasticare e sognare sia ad occhi chiusi sia ad occhi aperti.

I suoi sogni la portano ad incontrare il drago Tommasone e a vivere molte avventure nel suo bosco incantato. Come in tutti i cartoni, non mancano i personaggi negativi: ma neppure il perfido Barone Gualtiero, che abita in un cupo maniero e non si spoglia mai della sua armatura, riesce mai ad essere completamente cattivo. E poi i bambini possono stare tranquilli: nonostante sia armato fino ai denti, il barone esce sempre sconfitto.

Anche se le avventure del sogno si svolgono in una dimensione fiabesca, Giovanna continua ad essere una bambina di oggi che, a differenza di Cappuccetto Rosso, non si lascia ingannare da nessun lupo cattivo. Anzi, in ogni nuova avventura, Giovanna è pronta ad esplorare nuove strade e ad affrontare nuovi rischi.

Il suo carattere energico si manifesta anche nei sogni. Spesso è lei che spinge Tommasone a tirar fuori la grinta e sputare fuoco e fiamme.
A volte racconta a Ciccio quello che le è capitato a scuola o nel corso della giornata. Poi gli chiede: “Io ti parlo, ma tu mi capisci?” e lui risponde: “Bau!”.

Come molti alti personaggi Giovanna, malgrado il passare degli anni, gode di una eterna giovinezza e continua ad essere una bambina già abbastanza grande per cavarsela da sola e andare a scuola per conto suo, senza essere diventata una signorina.

È nata, nel 1974 con il libro “La Giovanna a fumetti” (Einaudi), pubblicata poi a puntate sul “Corriere dei Piccoli”. È andata all’estero tradotta in forma di libri, periodici e film.
Infine, Giovanna ha preso vita sul piccolo schermo, trasmessa dal 2003 al 2005 all’interno del programma Melevisione su RAI 3, per poi tornare a popolare le pagine dei libri per ragazzi, in un librone edito da De Agostini che raccoglie 8 storie e in altri quattro libretti singoli.

A Giovanna però piaceva essere animata e così ha voluto essere protagonista addirittura di una puntata speciale per il Natale. Così è nato “Giovanna e i doni di Natale”, un episodio singolo di 30 minuti che quest’anno andrà in onda sulla Rai.

La storia è ambientata la notte di Natale: Giovanna si ripromette di rimanere sveglia, con il suo piccolo cane Ciccio, per incontrare Babbo Natale, ma si addormenta, seduta accanto all’ albero pieno di bellissime decorazioni e inizia a sognare.
Il sogno ci racconta di un lungo e avvincente inseguimento, a seguito del perfido Barone Gualtiero, che ruba i doni di Natale agli gnomi. I nostri eroi non lo possono permettere e così…
Quando, il mattino dopo, Giovanna si risveglia, trova dei bellissimi doni sotto il suo albero, tra i quali un meraviglioso libro!

I dvd della serie sono stati pubblicati in Italia da Rai Trade in un cofanetto di 6 dvd, contenente ciascuno una decina di episodi.

L’edizione estera di “I sogni di Giovanna” è stata curata da Barcelona Multimedia, che ha doppiato gli episodi in inglese, catalano e spagnolo.

Le categorie della guida

Argomenti

Ultimi interventi

Vedi tutti