Questo sito contribuisce alla audience di

Air Gear

Un manga di Oh! Great (per chi non lo sapesse autore di "Inferno e Paradiso"), nel 2008 è andato in onda l'anime in giappone e con grande sorpresa nel 2006 ha vinto il primo premio per la categoria shonen nel Kodansha Manga Award.



La storia ha inizio con una scaramuccia tra due diverse scolaresche per il possesso del territorio. Minami “Ikki” Itsuki, capo di una delle due bande belligeranti, riesce a vincere contro gli avversari, che prima di andarsene lo minacciano di mandare come rappresaglia i loro amici Skull Saders, un team di storm riders (letteralmente “domatori della tempesta”, sono gli utilizzatori di Air Treck) famoso per la loro spietatezza.

Il giorno dopo gli Skull linciano i poveri compagni di Ikki, il quale si ritroverà impotente davanti a un team numericamente superiore e inoltre munito di Air Treck (speciali pattini a motore che permettono di compiere acrobazie mortali e spettacolari, abbreviato anche in “AT”).

Ikki viene sconfitto e umiliato pesantemente, e al suo ritorno a casa le sorelle adottive, le quattro sorelle Noyamano, anch’esse facenti parte di un team che utilizza gli AT, decidono di vendicare il povero fratello adottivo e andare di persona al covo degli Skull.

La notte vede l’annientamento degli Skull, debolissimi in confronto alla Sleeping Forest, il leggendario team a cui appartengono le sorelle Noyamano. Il loro capo Maga, che come ultimo disperato tentativo di salvarsi la faccia, sfida Ikki a una battaglia di Air Treck, dalla quale quest’ultimo ne uscirà vincitore. Inizia così la appassionante carriera del ragazzo che, ormai completamente affascinato da questo nuovo mezzo tecnologico, punterà sempre più in alto per tentare di diventare infine il “Re del Cielo”, il più forte e temuto utilizzatore Storm Rider esistente.

Sugui il manga e guarda l’anime su SpectroTeam

Le categorie della guida

Argomenti

Ultimi interventi

Vedi tutti