Questo sito contribuisce alla audience di

Canto africano

Il racconto di un'avventura che è anche uno spaccato di vita

Canto Africano di Federica Gazzani ed edito da Il Ciliegio è un romanzo breve autobiografico, nato per raccontare una vita diversa o comunque non ordinaria. Il romanzo ha ricevuto già dei riconoscimenti, vincendo la terza edizione del Premio letterario “Il Camaleonte” e classificandosi secondo all’ottava edizione del Concorso letterario “Il Giunco”nel 2004.

Federica racconta il suo pazzo viaggio in Africa, quando aveva poco più di vent’anni. All’epoca era una ragazza viva, amante della vita, e una sera decise di unirsi ad un gruppo di ragazzi africani per la promozione e l’organizzazione di un loro concerto. La fine del libro coincide con l’inizio, quando l’autrice telefona ai suoi genitori, avvisandoli di essere tornata in Italia, sicuramente più ricca e ancora incredula dell’esperienza vissuta. Il testo è scritto in modo semplice, con dovizia di particolari, senza tralasciare il flusso di emozioni che la protagonista ha vissuto. La sensazione è che siano ancora vive e nitide nella memoria, tanto da sembrare attuali. Poi c’è l’Africa, un paese distante anni luce dall’Italia, che offre però scorci unici, il cui ricordo ha spinto la Gazzani a scrivere.

Pochi soldi, l’euforia mista alla preoccupazione di affrontare la vita giorno per giorno, la facilità con cui ci si butta tra le onde impetuose della vita, che la rendono emozionante e personale, sono i temi che emergono pagina dopo pagina. Il romanzo sembra essere stato scritto tutto d’un fiato e appartenere ad un tempo remoto ma prezioso, che ha segnato la vita della scrittrice, che con affetto ha voluto condividere con i lettori uno spaccato di vita. Un libro pieno d’amore, per un uomo di un’altra cultura e per un popolo che ha tanto da insegnare. Un libro di aperture ma anche di chiusure con il tempo, a cui la penna ha restituito le emozioni di quel viaggio ormai lontano.

Ultimi interventi

Vedi tutti