Questo sito contribuisce alla audience di

Nel caffè della gioventù perduta

Dalla penna di Modiano la bellezza evanescente delle giovinezza parigina

Il Condè era il caffè del quartiere latino che a Parigi chiudeva più tardi. Ospitava giovani creativi, stanchi, apatici e aspiranti scrittori. “Nel caffè della gioventù perduta” di Patrick Modiano, edito da Einaudi e tradotto dal francese da Irene Babboni, è il racconto di una Parigi lontana, impressa nella mente dei protagonisti, narratori travolti dai ricordi. Il romanzo è stato pubblicato da Editions Gallimard di Parigi nel 2007, ed è ora disponibile anche tra gli scaffali delle librerie italiane.

Ogni capitolo è legato ad un altro : tutte le voci narranti inseguono la bella Louki, giovane riservata e sfuggente. Che sia esistita davvero o sia il prodotto della suggestione, poco importa. Louki rappresenta la bellezza della vita. Bella e precaria, scappa veloce, mentre tutti la inseguono e la cercano.

Modiano costruisce il suo romanzo breve come un lungo flash back. Ogni capitolo non è altro che l’elaborazione del punto di vista di uno dei protagonisti del racconto, che ripercorre l’incontro con Louki e le serate al Condè. L’autore ripropone i sogni infranti dell’esistenzialismo francese, donando alla storia un dinamismo tipico del noir. Louki è silenziosa, dimessa, ma allo stesso tempo curiosa e ribelle: un mix che affascina gli uomini che incontra. Ella è un’apparizione improvvisa nella vita dei protagonisti, un guizzo di luce, che cambierà per sempre le loro esistenze, fino ad un tragico epilogo.

Ogni punto di vista è un tassello del romanzo. Ogni tassello è una frazione della vita della ragazza. Voci che si sovrastano e si incastrano per offrire al lettore la chiave di lettura. Una ricostruzione spesso ossessiva, ma mai noiosa.

Ma non è solo la scelta stilistica dell’autore che rende l’opera interessante. Nel romanzo vive tutto lo spirito bohèmien parigino, che ancora si respira se si percorre a piedi il quartiere latino, da Saint Germain des Pres ai Giardini del Lussemburgo. La bellezza della sera, lo splendore di una città sublime, i suoi caffè, le sigarette lasciate a metà: luoghi dell’anima, dove i personaggi, a loro detta, hanno lasciato la loro parte migliore.
Nel caffè della giovantù perduta

Nel caffè della giovantù perdutaNel caffè della giovantù perdutaNel caffè della giovantù perdutaNel caffè della giovantù perduta

Ultimi interventi

Vedi tutti