Questo sito contribuisce alla audience di

Ultimi interventi

  • 3 Scrivere. Perché?

    Il giorno dopo, lunedì, alle otto sono a scuola. Ancora stanco della fuga a Roma del giorno prima, mi attardo con una certa indolenza a prendere i registri nel mio cassetto. Nei corridoi sciamano i ragazzi, rincorrendosi e trascinando con indoleza le loro borse piene di libri. Vengo avvolto dal chiasso, dalle risate, dalla loro eterna vitalità. Mi dispongo a cambiare registro linguistico: per le prossime ore, i prossimi giorni, i prossimi mesi, le parole che dovrò usare più di frequente saranno: 'stà zitto', 'silenzio', 'per favore, smettila...' La cosa triste è che si passa, da scrittori, dall'assoluto al quotidiano con effetti laceranti.

  • Vita da scrittore

    La mia vecchia Renault 18 diesel fila a centodieci all'ora sull'autostrada per Roma. Lo so che non è una gran velocità, ma io sono abbastanza prudente, e poi è il massimo che riesco a ottenere dall'auto. A dire la verità, speravo di poterne comprare una nuova con il ricavato del libro che ho pubblicato cinque mesi fa ma, a quanto pare, riuscirò a venderne sì e no un migliaio di copie e quindi sono costretto a rinviare ogni speranza di miglioramento economico. Anche per questo sono uno scrittore deluso.

  • Come pubblicare il proprio manoscritto

    Avete scritto un libro, l'avete inviato a mille case editrici ma vi hanno tutti risposto picche? Questo libro è fatto proprio per voi.

  • La morte facile e altri scenari

    Diciannove racconti "fantascientifici" - dove questo genere è spesso un piccolo pretesto per fare critica sociale, o per proporre riflessioni - scritti con uno stile attento e acuto dall'autore de "Lo scrittore", che negli ultimi anni si è fatto conoscere e apprezzare anche sulle pagine di KULT Underground.

  • Come e perchè tutto è inziato

    Mi sono arrivate le bozze di un libro. Di Giuseppe Cerone. Intitolate "Lo Scrittore". Lo pubblica una piccola casa editrice: Garamond. Giuseppe Cerone è un professore di inglese, di ottima cultura, che vive al Sud, ad Agropoli. Diversi anni fa scrissi un articolo proprio su L'Espresso (Mi manda Cerone, 28 Aprile 1991) dedicato alle sue vicende editoriali.

  • Come costruire un romanzo

    "C'è un vigile che regola il traffico. Ci sono uccelli sugli alberi, barcaioli sul fiume, pescatori lungo gli argini. C'è una merciaia che tira su la saracinesca del suo negozio. I ragionieri allineano colonne di cifre. Gli apprendisti pasticcieri riempiono di crema file di paste mignon. I pianisti fanno le scale. Seduti alla loro scrivania, meditabondi e concentrati, gli scrittori allineano parole". (Georges Perec).

  • Il mio libro ha il record dei no

    E' riuscito ad accumulare, in pochi anni, centotredici rifiuti editoriali, per cinque libri, di poesia e narrativa. Si chiama Giuseppe cerone, quarantunenne, lucano, professore di inglese in una scuola media del Cilento. E' lo scrittore più inedito, in una società letteraria dove i grandi autori sono quasi tutti scomparsi, ma dove la macchina dell'editoria arriva a sfornare trentamila libri nuovi ogni anno.