Questo sito contribuisce alla audience di

Anche gli uomini si rifanno il seno

Pubblicati i dati ufficiali della American Society of Plastic Surgeons: la correzione della ginecomastia al quinto posto tra gli interventi estetici più frequenti nell’uomo

I dati statistici relativi agli interventi di chirurgia estetica realizzati in America nell’anno 2000, recentemente pubblicati dalla American Society of Plastic Surgeons, collocano la correzione della ginecomastia come il quinto intervento chirurgico più frequente nell’uomo dopo la blefaroplastica (correzione delle palpebre), la liposuzione,la rinoplastica (correzione del naso)ed il trapianto di capelli.

La ginecomastia è una alterazione caratterizzata dalla presenza nell’uomo di un seno eccessivamente sviluppato,di aspetto femminile. Può essere dovuta ad un aumento di dimensioni della ghiandola (ginecomnastia vera) o più spesso del grasso mammari (pseudoginecomastia).

Il problema è più frequente di quanto si possa immaginare: è presente in un terzo della popolazione maschile adulta e in oltre la metà degli adolescenti. Solo in questi ultimi può scomparire spontaneamente dopo alcuni anni.

Le cause possono essere problemi endocrini oppure fattori esogeni come la assunzione prolungata di alcuni farmaci (per esempio gli antiacidi). Anche il sovrappeso nell’uomo è una causa frequente di aumento di volume del seno.

Il numero di questi interventi è notevolmente aumentato anche in Italia negli ultimi anni: la causa non è comunque dovuta solo ad un aumento dei fattori causali, ma certamente anche ad una aumentata attenzione degli uomini alla cura del loro corpo.

Una soluzione definitiva è possibile mediante un piccolo intervento realizzabile in Day Hospital. L’intervento è diverso a seconda del tipo di ginecomastia: se essa è dovuta ad un aumento del grasso si utilizzerà la liposuzione mentre nel caso in cui il volume mammario sia causato da un eccesso di ghiandola, questa dovrà essere asportata mediante una breve incisione localizzata lungo il margine inferiore della’areola.

In entrambi i casi i risultati sono eccellenti.