Questo sito contribuisce alla audience di

Poker Petacchi

Lo spezzino raccoglie il suo quarto successo nella Pordenone-Marostica.

Doveva essere il Giro di Frigo e Gonzales, due dei dieci corridori più forti al mondo.
E invece, a sorpresa, quando mancano otto tappe alla conclusione, la Fassa Bortolo decide di affidare tutte le speranze nelle mani di Alessandro Petacchi.

Sicuramente una squadra al giorno d’oggi non può pensare di vincere il Giro puntando su un velocista, visti i distacchi che Simoni & C. infliggono agli avversari sulle montagne. Però, con i quattro successi maturati dal corridore spezzino, la Fassa può almeno garantirsi uno ritaglio di celebrità nell’ottantaseiesima edizione del Giro.

E adesso che è venuto meno un rivale scomodo come Cipollini, i sogni di gloria di Petacchi potrebbero allargarsi nelle ultime tappe: per conseguire apprezzabili risultato, però, Frigo e Gonzales dovranno sostenerlo da bravi gregari, visto che ormai sono andate già perse per loro tre buone occasioni, ovvero tre traguardi per scalatori.