Questo sito contribuisce alla audience di

Angela Terzani Staude: una viaggiatrice italiana in Cina (1980-1983)

L’esperienza di Angela Terzani Staude in Cina dura tre anni, dal 1980 al 1983. In questo periodo vive a Pechino con il marito Tiziano Terzani, allora corrispondente estero per Der Spiegel, e con i figli[...]

Angela Terzani Staude: una viaggiatrice italiana in Cina (1980-1983)

L’esperienza di Angela Terzani Staude in Cina dura tre anni, dal 1980 al 1983. In questo periodo vive a Pechino con il marito Tiziano Terzani, allora corrispondente estero per Der Spiegel, e con i figli Folco e Saskia.

Sono gli anni in cui la Cina si riapre lentamente, dopo il trentennio di chiusura maoista. I coniugi Terzani, che avevano creduto nel maosimo ed erano determinati a chiamare il loro primogenito Mao, dopo il loro arrivo si rendono conto che il loro sogno era stato l’incubo di milioni di cinesi.

Il diario che Angela Terzani Staude ha scritto in Cina è stato pubblicato da Tea con il titolo Giorni cinesi. E’ un libro unico che descrive in modo appassionato la vita di quei giorni.

La narrazione apre scorci sulla vita dei cinesi durante gli anni ’80. La coppia Terzani, nonostante fosse formalmente proibito, entra in contatti più o meno stretti, talvolta d’amicizia, con importanti esponenti del mondo culturale cinese: scrittori, registi, calligrafi etc. Nel diario sono riportati i pensieri e le preoccupazioni di questi personaggi; la loro visione della Cina; le speranze per il futuro.

In quest’opera l’autrice racconta in modo coinvolgente i viaggi affrontati in treno, corriera e bicicletta attraverso l’immenso Paese, dalle metropoli ai villaggi più sperduti; riporta centinaia di vicende, una fra le più interessanti riguarda il suicidio del noto scrittore Lao She.

È un diario traboccante di nomi, indizi, pensieri; un documento prezioso per comprendere la storia della Cina.