Questo sito contribuisce alla audience di

SUNSHINE

con : Cillian Murphy , Rose Byrne , Chris Evans , Michelle Yeoh ; Hiroyuki Sanada . regia : Danny Boyle .

LA TRAMA : 2057 : il Sole sta morendo . L’ astronave Icarus 2 ha il compito di sganciare una bomba nella stella per darle nuova vita . In prossimita’ del sole, gli astronauti captano il segnale di soccorso della Icarus 1 , scomparsa anni prima , mentre eseguiva la medesima missione , senza lasciar traccia . Incominciano i guai….

IL FILM : Sunshine è la brutta copia di ” Punto di non ritorno ” , l’accattivante film di Paul Anderson del 1997 .
Visivamente è pazzesco ; la regia di Boyle ( Trainspotting ; 28 giorni dopo ) è ottima ( la scena dei due astronauti sullo scudo stellare ; i dettagli sulle pupille…) cosi come la fotografia e le scene ; Cillian Murphy, è bravissimo ; Il problema è la sceneggiatura di Alex Garland ( 28 giorni dopo ) : banale, forzata , prevedibile , con personaggi monodimensionali tagliati con l’ accetta ( per fotrtuna che , secondo gli autori doveva essere un thriller con forti valenze psicologiche ..) . Gia’ dall ‘ inizio , o quasi , del film non gli credi : L’ equipaggio della Icarus 2 decide di effettuare una notevole e pericolosa deviazione per raggiungere la Icarus 1 con la motivazione che, poichè la Icarus 2 trasporta l’ultima bomba realizzabile ( son finite le materie prime sulla Terra ) , du bomb is megl che uan ! Gia’…peccato che nessuno si ponga il problema che se la Icarus 1 ha fallito nella sua missione, forse qualcosa non funziona, forse il dispositivo si è rotto…ma a nessuno sembra importare… Saliti a bordo della Icarus 1, Mace ( Chris Evans ) ironizza sul separarsi nell’ esplorazione ” Gli alieni ci uccideranno uno per uno ! ” e poi succede piu’ o meno quello ( tremendo il cattivone che parla come un cartone animato di serie z ). Insomma, a parte l’aspetto visivo non c’è nulla . Meglio ” Punto di non ritorno ” o ” Alien ” o ” 2010 ” o i film che secondo gli autori li avrebbero influenzati ( magari ) ” Solaris ” ( di Tarkovskij ) e 2001 .

Massimo Triggiani

Link correlati