Questo sito contribuisce alla audience di

I GEMELLI HEMINGWAY

Regia e testo : Leonardo Rizzi . con : Piatro Naglieri , Giovanni Guardiano , Linda Di Pietro , Cristina Puccinelli .

Ernest Hemingway potrebbe avere un figlio italiano dal suo breve soggiorno in Italia nel 1948 ! E’ quanto sostiene Leonardo Rizzi regista e autore dello spettacolo.

 

 

 Ernesto ( ma guarda ! ) Graziani ( Pietro Naglieri ) , scrittore fallito , in cerca continua di una fasulla ispirazione ( “ti tengo..ti tengo! ” ) , consapevole di un talento che solo lui e la sua dolce compagna Adele sembrano vedere , vive seguendo le orme del presunto padre , dal pugilato all’ alcol , ma alle fatidiche soglie dei trent’ ah…ah…ah..anni  , si trova a dover tirare le somme della sua vita e le certezze sono ben poche…

La svolta arriva grazie all’ incontro con Franco Valerio ( Giovanni Guardiano ) , fermamente convito dell ‘ autenticita’ della celebre parentela e determinato a scriverci un libro .

 

 

 Seguono equivoci , bugie , colpi di scena e rivelazioni ( una delle quali da’ il titolo all’ opera )  in  questa commedia  intelligente , che diverte e commuove esplorando temi quali  il mito della scrittura , la coppia nell’ eta’ moderna , l’ ambizione , il desiderio e  la ricerca di uno spazio ed un senso alla pripria vita in un mondo schiavo di stereotopi di successo .

 

 

 Bella messa in scena, semplice ma curata in ogni dettaglio , c’è una forte alchimia di testo , luci ,  musica ed attori  bravissimi ( Pietro Naglieri in stato di grazia , Giovanni Guardiano elegante ed intenso , Linda Di Pietro dal tagliente sarcasmo e Cristina Puccinelli che quando va in trance ti porta via con se’. ) .

 

 

 In un panorama teatrale cosi’ sterile ,  ripetitivo e trombonico come quello italiano ,  I gemelli Hemingway è una piacevole ventata d’ aria fresca da non perdere .

 

 

 Al Teatro dell’ Orologio- sala Artaud sino al 5/6/07 .

 

 

 

                                                                                                                            Massimo Triggiani