Questo sito contribuisce alla audience di

FEBBRE DA CAVALLO

Italia 1976 - Regia di Steno - Con Gigi Proietti, Enrico Montesano, Francesco De Rosa, Catherine Spaak, Mario Carotenuto, Adolfo Celi, Ennio Antonelli, Nerina Montagnani - Durata 100 minuti.

febbre da cavallo

E’ lo stendardo cinematografico della romanosità
di borgata, spensierata e furibonda, chiassosa e variopinta.

Romanosità e romanesimo che colano dappertutto, da ogni personaggio
e da ogni inquadratura.

Dunque, passiamola in rassegna siffatta tinta ciurma.

C’è Gigi Proietti - grande e travolgente, immerso anima, corpo
e vestiario nella sagra del colorito romanesco  - che fa MANDRAKE
dal sorriso “maggico”, aspirante attore di successo.

Poi c’è Enrico Montesano - come al solito impunito e pronto
di spirito…anche lui dalla spigliata attitudine al folklore romano -
che fa Armando Pellicci dai capelli lisciati detto “ER POMATA”.

Due balordi fannulloni con la febbre per le corse dei cavalli.

Con loro il posteggiatore FELICE dalla faccia triste di Francesco De
Rosa che è un attore molto bravo e che spesso, ingiustamente, ci
si dimentica di citare.

C’è anche l’avvocato DE MARCHIS Mario Carotenuto - altro illustre
emblema della romanità caciarona - con il suo perdentissimo cavallo
“SOLDATINO”.

“DARTAGNAN” e “KING” sono altri nomi da cavalli altrettanto perdenti
(”’sti broccacci”).

E poi ci sono gli sfottò al macellaio MANZOTIN, e i raggiri,
e i debiti, e i viaggi sul treno senza biglietto ad eludere un controllore
che “PARE SANDOKAN”, e il complesso di MANDRAKE, e le liti con le
mogli, e le tante battute e battutacce la cui più famosa è
A Pomà, c’hai ‘na faccia!” “Sì, perché se ce n’avevo
due già stavo all’università…sotto spirito!”, 
e
le tante situazioni e situzionacce la cui più sublime è quella
che vede MANDRAKE aspirante attore dal “sorriso maggico” alle prese
con la battuta “UN WHISKY MASCHIO SENZA RISCHIO”, e i consigli e
consigliacci il cui peggiore è quello con cui ER POMATA convince
MANDRAKE  di non giocare la tris di cavalli broccacci commissionatagli
dalla moglie (la sempre splendida Catherine Spaak)…e così MANDRAKE 
perde venti milioni…”A MANDRAKE NON ME PORTERAI MICA RANCORE?” dice
ER POMATA…

E la gustosa regia di Steno, volutamente votata alla facile comicità
e incurante di qualche caduta di gusto…

Il film alla sua prima uscita, nel 1976, non sollevò grandi
entusiasmi né di critica né di botteghino. Ma anno per anno,
affezionato su affezionato, cultore su cultore, di buona lena, con calma
e a buon diritto, discretamente, quasi pudicamente, questo piccolo ma acceso
capolavoro del trucido romanesco si è ammantato dell’elegante marchiatura
di Film STRACULT…anzi, quasi Film COLTO… da citare e da narrare, testimonianza
di una popolaresca romanità di borgata che forse - almeno cinematograficamente
- si è estinta….

Se definitivamente o no, ce lo diranno prestissimo i fratelli Vanzina, 
figli di quel Vanzina chiamato Steno.