Questo sito contribuisce alla audience di

A Trieste vince "The Children"

L'horror del britannico Tom Shankland si aggiudica il Méliès d'Argento.

Science fiction festival trieste

Si è concluso ieri sera il Festival Science+Fiction, che ha visto in questi giorni alternarsi a Trieste ospiti di gran lusso (abbiamo parlato della presenza di Roger Corman e Christopher Lee) e tante belle visione dedicate al mondo della fantascienza, dell’action, dell’horror, e delle contaminazioni tra un genere e l’altro.

Prima della proiezione in anteprima nazionale dell’atteso Moon di Duncan Jones (in arrivo a breve anche nelle sale delle varie città) sono stati assegnati i premi di questa edizione. Bruce Sterling, presidente della giuria, ha consegnato il riconoscimento “Premio Asteroide” a Yoshiharu Ashino per il suo First Squad - The moment of truth. Una menzione speciale è andata a Metropia di Tarik Saleh.

Il prestigioso premio Méliès d’Argento per il miglior lungometraggio in concorso, consuetudine dei festival di genere europei aderenti all’apposita Federazione, è andato invece a The Children, horror diretto dal britannico Tom Shankland. Ne parleremo meglio nel post successivo.

Miglior cortometraggio, infine, è stato eletto Virtual Dating di Katia Olivier.

Grande successo di pubblico, per una manifestazione sempre valida, utile e affascinante, che speriamo possa sopravvivere alla devastazione dei festival italici, sempre più massacrati dai tagli dei fondi monetari effettuati da una classe politica che non ha la benchè minima idea di cosa voglia dire “cultura”.