Questo sito contribuisce alla audience di

TOFIFE 28: il ritorno dell'horror (1)

Tante pellicole di genere in programma al prossimo Torino Film Festival, tra cui "The Ward" di Carpenter!

torino film festival logo

Negli ultimi tre anni, durante le due edizioni dirette da Nanni Moretti e la prima sotto la guida di Gianni Amelio, nonostante il sempre ottimo livello della manifestazione, l’horror al Torino Film Festival era stato messo da parte, perlomeno parzialmente. Già nel 2009, infatti, un piccolo recupero in tal senso c’era stato, attraverso l’inserimento nel programma di pellicole di genere come Pontypool, Van Diemen’s Land e The Loved Ones.

E’ comunque con gioia ed eccitazione che, consultando l’elenco dei film previsti nell’edizione 2010, pronta a partire sotto la Mole dal 26 novembre al 4 dicembre, andiamo a sottolineare come il genere che più amiamo torni quest’anno a recitare un ruolo da assoluto protagonista.

Il fulcro del grande ritorno dell’horror al TOFIFE sarà previsto nella sezione collaterale Rapporto Confidenziale, nel 2009 dedicata all’interessantissimo regista danese Nicolas Refn, e quest’anno invece incentrata proprio sul cinema più oscuro e radicale, attraverso una mini-retrospettiva dedicata a 9 film di genere provenienti da varie parti del mondo, e diretti nella maggior parte dei casi da autori giovani e promettenti.

Nel dettaglio, a Torino si vedranno il coreano I Saw the Devil di Jee-woon Kim (regista di Two Sisters), il canadese Altitude, l’australiano Damned by Dawn, l’americano L’ultimo esorcismo (prodotto da Eli Roth), il britannico e stregonesco Outcast, la commedia dark Suck (con icone del rock del calibro di Alice Cooper e Iggy Pop), e il nuovo film di Brad Anderson (il regista di Session 9 e L’uomo senza sonno), ovvero Vanishing on 7th Street.

Accanto a loro, ci sarà spazio anche per il cortometraggio “musical horror” The Legend of Beaver Dam, e soprattutto, ci sarà un evento immancabile per ogni cultore della materia: la proiezione in anteprima nazionale di The Ward, il tanto atteso ritorno del maestro John Carpenter.

Davvero niente male, una sorta di festival nel festival per ogni appassionato…

(continua)