Questo sito contribuisce alla audience di

Courmayeur Noir Festival, i premi

Leone d'Oro per l'argentino Carancho, mentre The Disappearance of Alice Creed vince il premio del pubblico.

noir in festival 2010

Si è conclusa con successo la ventesima edizione del Noir in Festival di Courmayeur. Vediamo quali sono stati i vincitori, premiati da una giuria composta tra gli altri dallo scrittore francese Tito Topin (Presidente), dal bravissimo Silvio Orlando e da Angel Sala (direttore del Festival di Sitges).

Il primo premio, ovvero il Leone d’Oro, è andato a Carancho, dell’argentino Pablo Trapero, “per aver offerto una visione puntuale e forte di un aspetto della società argentina di oggi attraverso un uso impeccabile della grammatica del genere noir“. La miglior interpretazione è risultata quella di Stellan Skargaard per il norvegese A Somewhat Gentle Man, mentre il Premio speciale della giuria è andato, ex-aequo, al film coreano The Housemaid e al francese Lights Out. Il Premio Mistery per il miglior documentario è finito tra le mani degli spagnoli Juanjo Giménez e Adán Aliaga Pastor per Esquivar I Pegar.

Da segnalare, infine, il premio del pubblico, vinto dall’horror inglese The Disappearance of Alice Creed.