Questo sito contribuisce alla audience di

La vera commedia

Vanzina, Neri Parenti, Brizzi, Muccino, Pieraccioni, Veronesi, Oldoini e molti altri. Mi viene da dire in maniera un pò volgare ma efficace: Che palle! Possibile che non si provi un minimo a inventare[...]

Vanzina, Neri Parenti, Brizzi, Muccino, Pieraccioni, Veronesi, Oldoini e molti altri. Mi viene da dire in maniera un pò volgare ma efficace: Che palle! Possibile che non si provi un minimo a inventare qualcosa di nuovo? In fondo la commedia è un genere, ha le sue regole, i suoi stereotipi. In fondo cosa chiediamo di così complicato: un pò più di invenzione, un pò meno di banalità. E invece, sempre gli stessi film, le stesse battute, le stesse situazioni. Però, qualche eccezione c’è.

Vorrei parlare di due autori che non si lasciano coinvolgere dalla banalità dilagante: Gianni Zanasi e Marco Ponti.

Il film di Zanasi, “Non Pensarci”, uscito nel 2007 è una delle migliori commedie degli ultimi anni. Tant’è che hanno deciso di trasformarlo in una serie che sta andando in onda su fox il lunedì alle 23. “Non Pensarci”, grazie alla collaborazione di brillanti interpreti come Mastrandrea, Anita Caprioli, Giuseppe Battiston, è una commedia in fondo amara ma tempestata di gag esilaranti. Il merito di questo film è che descrive una famiglia di provincia piuttosto sgangherata - lontana dal modello famiglia politically correct che le fiction degli ultimi anni, dal Medico in Famiglia ai Cesaroni, ci costringono a trangugiare - senza cadere mai in stereotipi, in un artificioso collegamento al reale e negli spot da pubblicità progresso. La serie che sta passando in questo periodo su fox tv, poi, ha mantenuto la stessa verve del film senza subire il tempo di narrazione evidentemente dilatato. Il fatto che un’operazione come questa (cioè il passaggio di “Non Pensarci” dal cinema alla tv) sia stata definita sorprendente, quasi rivoluzionaria, dà l’idea del totale degrado della fiction per tv italiana.

L’altro autore che rappresenta, secondo me, una boccata d’aria fresca nel triste panorama della commedia italiana è Marco Ponti. Il suo ultimo film è del 2004, “A/R Andata + Ritorno”. Un film molto divertente con Libero De Rienzo e Vanessa Incontrada. Ma è soprattutto l’autore di “SantaMaradona”, un piccolo cult, un capolavoro della commedia nostrana. Un film che deve molto, oltre che alla abilità di sceneggiare di Marco Ponti, alla irresistibile coppia Accorsi - De Rienzo perfetti nell’incarnare una generazione allo sbando. Senza patetismi e toni alti, “SantaMaradona” racconta con leggerezza la nuova generazione di laureati-precari che guarda al futuro non come una promessa ma come una minaccia. Ciò spesso conduce non a un energica reazione ma, al contrario, all’apatia fino alla totale chiusura in una dimensione di gioco fanciullesca.

Queste sì che sono commedie.