Questo sito contribuisce alla audience di

I premi della 7° edizione di "Molise Cinema

Premiazione dei concorsi di ieri sera per la 7° edizione di MoliseCinema. Durante la cerimonia che si è svolta nell’Arena di Casacalenda, sono stati proclamati i vincitori delle tre sezioni: Paesi in[...]

Premiazione dei concorsi di ieri sera per la 7° edizione di MoliseCinema.
Durante la cerimonia che si è svolta nell’Arena di Casacalenda, sono stati proclamati i vincitori delle tre sezioni: Paesi in Corto, Percorsi e Frontiere. Ad emergere è un dato positivo che riguarda la vitalità del documentario italiano, come dimostrano le opere vincitrici della sezione “Frontiere – Premio Giuseppe Folchi”, il concorso riservato, appunto, ai documentari.
ù
Ad aggiudicarsi il Premio come Miglior Film Documentario è stato, infatti, “Cimap di Giovanni Piperno, per la sua capacità “di permettersi uno sguardo libero e laico sulla realtà”. La giuria ha poi attribuito le Menzioni Speciali ad “Armando e la Politique” di Chiara Malta e a “Miss Little China” di Riccardo Cremona e Vincenzo De Cecco.

Per quanto riguarda i documentari brevi di Frontiere, il premio ex aequo è andato a “Home” di Matt Faust, per la capacità di raccontare “un sentimento di perdita molto attuale a pochi mesi dal terremoto in Abruzzo”, e al poetico “Steel Home” di Eva Weber. La giuria ha inoltre segnalato “Doppelganger” di Oscar De Julian, cortometraggio di confine tra fiction e documentario.

MoliseCinema ha poi riservato un ampio spazio ai cortometraggi, come dimostrano le sezioni Paesi in Corto: concorso internazionale – premio Carlo Montuori e Percorsi: concorso corti italiani.
Per quanto riguarda il primo, sono stati premiati ex aequo “6 minuti e mezzo a Tel Aviv” di Mirey Baraness e “Tulum” di Dalibor Matanic, con una menzione speciale per “Skhizen” di Jeremy Clapin; il miglior corto di Percorsi è risultato essere, invece, “Macchie di Sole”, opera prima di Stella Di Tocco. A “Esperandote” di Clara Salgano e a “L’Arbitro” di Paolo Zucca la menzione speciale.