Questo sito contribuisce alla audience di

Old Boy: il film più violento di Park Chan-Wook

“Io e mia sorella ci siamo amati pur sapendo ogni cosa. Ci riuscirete anche voi?”.

Old Boy Park Chan-Wook 2003: “Old Boy” è il settimo film del regista sudcoreano Park CHAN-WOOK (1963).
Nel 2004 vince al festival di Cannes il “Grand Prix Speciale della Giuria”; all’Asia Pacific Film festival ed al Grand Bell Awards-South Korea “Miglior Regista”; al British Indipendent Film Awards “Miglior film straniero indipendente” ed alla 37° edizione dello SitgesMiglior film”.
“Old Boy” è il secondo capitolo di una trilogia chiamata, dal pubblico e non dal regista, la “trilogia della vendetta”, successivo a “Mr. Vendetta” e precedente a “Lady Vendetta”.

Il film inizia con un flash-forward, ouverture abbastanza brusca che non rende conscio lo spettatore del seguito, non è posta dunque per aiutare ma per destabilizzare.
Il protagonista Oh Dae-su, impersonato dall’attore Choi Min-sik, viene rapito una notte. L’uomo resterà rinchiuso in una stanza per quindici anni senza sapere il perché e senza vedere mai nessuno, viene nutrito, drogato, ipnotizzato, lavato, vestito.

Se mi avessero detto che sarebbe durata quindici anni sarebbe stata più facile da sopportare o no?” Questo il lamento di Dae-su, ogni giorno si allena fisicamente per un’ipotetica vendetta, cerca di trovar una via d’uscita alla sua stanza-prigione, pensa a tutti i torti che ha fatto nella vita. Improvvisamente è libero, si ritrova sopra un tetto dentro una valigia. Dopo 18’ minuti si ha la comprensione del flash-florward iniziale ma ancora non si ha nessuna risposta alla domanda che protagonista e spettatore si pone dall’inizio del film: chi?
Prima di svelare l’intricata trama che unisce vittima e carnefice Park CHAN-WOOK si diverte con notevoli scene di violenza ed impatto come il divorare un polpo vivo e l’estrazione dei denti di una guardia con un martello levachiodi.

Nel film son presenti livelli di disperazione e rabbia crescenti: dall’iniziale incarcerazione qualcosa in Dae-su è cambiato, anch’egli vuole vendetta, vuole scambiare i quindici anni di prigionia con la morte del carnefice Lee Woo-jin, impersonato dall’attore Yu ji-tae. Ma Woo-jin ha un serbo per Dae-su qualcosa d’inumano: ipnotizza anche la figlia naturale di Dae-su lontana dal padre ben quindici anni, riesce a far innamorare i due e svela il tutto quando il protagonista ricorda la sua colpa.

Ma cos’ha fatto Dae-su per meritarsi ciò? Al liceo aveva messo in giro una voce tra i compagni: aveva parlato di una ragazza che aveva rapporti sessuali con compagni di scuola. La ragazza era la sorella di Woo-jin, fratello e amante della sorella. La ragazza si tolse la vita perché presa dalla suggestione dei pettegolezzi pensò di essere incinta.
Le ultime parole di Woo-jin rendono crudo il messaggio d’amore del regista:
Io e mia sorella ci siamo amati pur sapendo ogni cosa. Ci riuscirete anche voi?”.

Film dal finale profondamente amaro, un perfetto accordo tra regia e sceneggiatura, una poetica apoteosi sulle dinamiche del linguaggio e, tout court, della parola.

Trailer:

Old Boy
Old Boy Old Boy Old Boy

Old Boy Old Boy Old Boy

Old Boy Old Boy Old Boy

Old Boy Old Boy Old Boy

Old Boy Old Boy Old Boy

Old Boy Old Boy Old Boy

Le categorie della guida