Questo sito contribuisce alla audience di

L' isola, diretto da Kim Ki-Duk, 2000

Kim Ki-Duk gioca sull’ambivalenza del pesce(immagine del pene ed animale a sangue freddo). L’isola, forse, si identifica con l’animo umano, chiuso in se stesso.

l isola “L’isola” è una pellicola del 2000 diretta dal geniale regista coreano Kim Ki-Duk(1960) che curerà anche il soggetto e la sceneggiatura. Titolo originale: “Seom”. Presentato alla Mostra di Venezia del 2000. Vince il Corvo d’oro al Miglior Film al Festival internazionale del cinema fantastico di Bruxelles.

“L’isola” è il classico film da evitare se troppo appassionati al cinema hollywoodiano. 85 minuti si profondo silenzio, vengono scambiate tra i pochi personaggi soltanto una decina di battute, l’ambientazione non muta, per tutto il film rimane la medesima. Il silenzio travolge e coinvolge nelle sequenze di violenza contro persone ed animali controllata dalle emozioni umane.

Hee-jin, interpretata da Jung Suh, è la tenutaria di un lago che affitta casette poste su tavole galleggianti con dei barili legati sotto. La bellissima Hee-jin, di giorno, accudisce le case, le pulisce, porta il magiare, le esche per pescare, batterie per la luce e, la notte, allieta sessualmente le ore dei suoi affittuari.

Una mattina arriva Hyun-Shik, interpretato da Kim Yoo-Suk, un giovane fuggiasco assassino. Diventa la sua amante ed insieme esploreranno la frustrazione di non poter vivere in modo normale. Hee-jin aiuterà psicologicamente Hyun-Shik in quanto egli voleva commettere suicidio. Sarà il sesso violento a curare e spronare entrambi ma questo porterà anche un’aggressiva gelosia.

Sequenze fortissime, di grande impatto quando Hyun-Shik inghiotte un mazzo di ami ed Hee-jin successivamente lo infila all’interno della vagina. Il dolore traspare anche nello spettatore. Taluni pensano che “L’isola” sia il film più violento e senza scrupoli di Kim Ki-Duk.

Kim Ki-Duk gioca sull’ambivalenza del pesce(immagine del pene ed animale a sangue freddo). L’isola, forse, si identifica con l’animo umano, chiuso in se stesso. Il regista continuerà ad investigare sulla gelosia rapportata all’amore anche nel film “Time” del 2006.

La fotografia è stupefacente, molte immagini sembrano veri e propri quadri, curata da Suh-Shik Whang. Nel cast: Sung Gee Park, Jae-Hyung Cho, Hang-Sun Jang.

Trailer:

l isola
l isola l isola l isola

l isola l isola l isola

Le categorie della guida