Questo sito contribuisce alla audience di

Snow flower and the secret fan, diretto da Wayne Wang, 2011

Le due ragazze inventano dei codici segreti per poter comunque vivere in un modo equilibrato con loro stesse.

Snow flower and the secret fan “Snow flower and the secret fan” è la nuova pellicola del regista cinese Wayne Wang(1949). Wayne all’età di 18 anni si trasferì in America per studiare cinema e televisione. Esordisce con “A man, a woman, and a killer” nel 1975. Uscita prevista 2011.

“Snow flower and the secret fan” è tratto da uno splendido romanzo omonimo della scrittrice cinese Lisa See. Indaga sulla situazione di costrizione delle donne cinesi nel XIX secolo.

Protagoniste due inseparabili amiche Lily e Snow Flower. Le due non vivono in un periodo nel quale le donne posso affrontare la vita serenamente, infatti, sono prigioniere di regole e codici di comportamento e di usanze secolari.

Le due ragazze inventano dei codici segreti per poter comunque vivere in un modo equilibrato con loro stesse.

Il film è ancora in fase di sviluppo a causa dell’abbandono dell’attrice e produttrice Zhang Ziyi. La Ziyi, essendo anche nel set di Wong Kar-wai, ha deciso di abbandonare il cast per dedicarsi a “The Grand Master” fiancheggiata da Tony Leung. Zhang Ziyi è stata rimpiazzata da Li Bingbing che recitò nel 2008 in “The Forbidden Kingdom” regia di Jackie Chan e Jet Li.

Le riprese sono iniziate il 2 febbraio 2010 e nel cast si è aggiunto un attore australiano, Hugh Jackman(1968). Jackman ha iniziato la sua carriera da attore cinematografico nel 1998 con “Profile of a serial killer” di Steve Jodrell; da allora ha lavorato con Bryan Singer “X-Men” del 2000 e “X-Men 2” del 2003, Woody Allen “Scoop” del 2006, Darren Aronofsky “The mountain” del 2006, Christopher Nolan “The Prestige” del 2006, Gavin Hood “X-Men le origini: Wolverine” del 2009. Fa anche parte del cast del secondo film 2010 di Shawn Levy “Real Steel”.

“Snow flower and the secret fan” prodotto da Wendi Murdoch e la sua News Corporation, Rupert Murdoch e Florence Sloan e la sua MGM.

Le categorie della guida