Questo sito contribuisce alla audience di

Kitchen, di Yoshimitsu Morita, dal libro di Banana Yoshimoto, 1989

Un giorno Yuichi racconta a Mikage la verità sulla madre Eriko: in realtà non è sua madre ma suo padre.

Kitchen “Kitchen” è un lungometraggio del 1989 diretto da Yoshimitsu Morita(1950). Il regista giapponese ha esordito nel 1981 con il film “N. Yona Mono”, e la sua filmografia sino al 2006 conta di ben 23 film. “Kitchen” è il suo dodicesimo film.

“Kitchen” è basato su un fortunatissimo romanzo d’esordio dal titolo omonimo scritto da Banana Yoshimoto(1964), pseudonimo di Mahoko Yoshimoto. La celebre scrittrice giapponese vinse per “Kitchen” il 6° Newcomer Writers Prize nel 1987, il 16° Izumi Kyoka Literary Prize nel 1988 e l’Umitsubame First Novel Prize nel 1987.

Protagonista del film, una giovane aspirante cuoca di nome Mikage Sakurai(interpretata da Ayako Kawahara). Mikage rimasta orfana di padre e madre fu affidata alla nonna ma perduta pure questa ha la sola compagnia del culto personalissimo per i suoi famigliari morti. Sola, senza denaro deve abbandonare la casa e il frigorifero al quale è molto affezionata.

Fortunatamente un giovane, Yuichi Tanabe(interpretato da Kenji Matsuda), molto legato alla nonna, la invita a vivere con lui e sua madre Eriko in un bel quartiere della città. Mikage accetta perché non ha altro posto nel quale andare. Viene accolta subito bene da Eriko(interpretato da Isao Hashizume) e vivrà con loro nella lussuosa casa.

Mikage prepara per loro deliziosi pranzetti nell’incantevole cucina ed intanto continua a frequentare una scuola specializzata in cucina. Un giorno Yuichi racconta a Mikage la verità sulla madre Eriko: in realtà non è sua madre ma suo padre. Mikage rimanse sconvolta da quell’affermazione e Yuichi le racconta che quando sua madre è morta il padre, Eriko appunto, non è riuscito a superare il lutto e si è trasformato in una donna.

Eriko infatti la notte esce con delle transessuali e gestisce un locale notturno. Mikage supera la novità grazie anche all’affabilità di Eriko. Ma, qualcosa riesce davvero a scuotere la ragazza orfana: Mami Okumo, una ragazza innamorata di Yuichi le rinfaccia di essere una poco di buono perché vive con un uomo solo per i suoi soldi. Tutto si aggiusta grazie a Yuichi.

Nel cast: Konobo Yoshizumi, Senkyo Irifunetel, Akiko Urao, Akinori Nakajima, Saki Matsura, Naoki Goto, Mie Hama.

Del romanzo si ha anche un’altra trasposizione cinematografica: “Kitchen” diretto da Yim Ho del 1997.

Non avendo trovato il trailer del film, vi lascio un video grazioso con delle belle frasi della scrittrice Banana Yoshimoto:

Le categorie della guida