Questo sito contribuisce alla audience di

Parade, di Isao Yukisada: vince il Premio Fipresci 2010

Racconta di quattro giovani adulti che condividono un appartamento in un quartiere malfamato

Parade “Parade” vince il premio FIPRESCI alla Berlinale 2010 (Premio al Miglior Film nella sezione Panorama). Anche lo scorso anno il premio FIPRESCI è stato vinto da un film giapponese “Ai no Mukidashi”(trad.ing. “Love exposure”).

“Parade” è un film del 2009, diretto dal regista nipponico Isao Yukisada(1968). Isao Yukisada, già, nel 2000 aveva vinto il premio FIPRESCI con il film “Himawari”(trad.ing. “Sunflower”) e nel 2002 con “Go!”. “Go!” è un film del 2001, è stato il film che ha portato i maggiori riconoscimenti al regista: nel 2001 Best Film al Hochi Film Award, nel 2002 “Best Director” all’Award of the Japanese Academy, “Best Directo”r al Blue Ribbon Award, “Best Director and Film” al Kinema Junpo Award, “Golden Star”, “Best Director” al Festival Prize.

“Parade” basa la sua sceneggiatura, scritta dallo stesso regista, su una novella di Shuichi Yoshida.
Racconta di quattro giovani adulti che condividono un appartamento in un quartiere malfamato nel quale spesso e volentieri si commettono atti di aggressione. I ragazzi ricordano nella loro convivenza la celebre serie televisiva americana “Friends”.La loro vita inizia a mutare quando un diciottenne si unisce a loro, questo diventa oggetto di oscuri sospetti da parte dei ragazzi. Il ragazzo si guadagna da vivere prostituendosi. Sconvolgente finale.

Cast: Tatsuya Fujiwara(27 anni)interpreta Naoki, un salariato che lavora in una compagnia di distribuzione di film e che parla nel sonno dicendo cose strane. Karina(25 anni) interpreta Miki, un’illustratrice. Shihori Kanjiya(24 anni) interpretata Kotomi, un’aspirante attrice, Kento Hayashi(19 anni) interpretata Satoru, il diciottenne. Keisuke Koide(26 anni) interpreta Ryosuke.

La fotografia è curata da Jun Fukumoto. Il montaggio è curato da Tsuyoshi Imai. La colonna sonora è curata da Horofumi Asamoto.

Trailer:

Il regista parla con gli attori nel set:

Le categorie della guida