Questo sito contribuisce alla audience di

Bombolo

Un po' di Venticello

Volete sapere cosa direbbe se leggesse questo intervento? Sicuramente “Tz tz”. Grande caratterista, Bombolo (all’anagrafe Franco Lechner) è una delle “maschere” più conosciute della scena cinematografica trash italiana. Una comicità semplice, fatta di una buona mimica facciale e di un modo di parlare strano e a suo modo divertente. A parte qualche incursione nel cinema “vacanziero” (es. “La settimana bianca”), è più che altro ricordato per la serie dei “Delitti” in coppia con Tomas “Milian” Monnezza nei panni dell’informatore “Venticello” (tralascio la motivazione del soprannome). Sia che fossero a porta romana, al ristorante cinese, sull’autostrada, in formula uno, i delitti portavano al nostro eroe unicamente guai, anche seri (memorabile la frase di Monnezza a Venticello “E allora me sa tanto che te lo devi pija’…”).
Altro partner memorabile è stato Enzo Cannavale, suo compagno di (dis)avventure in film del calibro di “La settimana al mare” o “Una vacanza del cactus”. Una coppia bene assortita, che riusciva a strappare qualche risata con facili doppi sensi o situazioni ridicole.
A Bombolo va sicuramente un ricordo affettuoso (è scomparso nel 1987) e un tributo per la abbondante produzione cinematografica, trash nel senso più bello del termine.

Link correlati