Questo sito contribuisce alla audience di

Perché il cioccolato svizzero è così famoso?

Nonostante la Svizzera non disponga di un clima adatto alla coltivazione della pianta del cacao, è certamente uno dei maggiori e più conosciuti produttori di cioccolato. Il cioccolato non ebbe sempre[...]

Cioccolato svizzero Nonostante la Svizzera non disponga di un clima adatto alla coltivazione della pianta del cacao, è certamente uno dei maggiori e più conosciuti produttori di cioccolato.
Il cioccolato non ebbe sempre vita facile in Svizzera: infatti arrivò in questa nazione negli ultimi anni del 1600, quando il sindaco di Zurigo, Heinrich Escher, lo assaggiò a Bruxelles, apprezzandone molto il suo sapore. Nel 1722, però, si decise che il cioccolato poteva nuocere moralmente ai cittadini svizzeri e per questo si decise di proibirne la consumazione.

I motivi di tale importanza sono da ricercare innanzitutto dalla disponibilità che la Svizzera ha di acqua, fonte primaria per l’ impiego delle macchine per la produzione del cioccolato.
A tale riuscita ha ovviamente contribuito anche il luogo strategico in cui la questa nazione sorge, vale a dire in una posizione notoriamente favorevole e centrale per lo scambio commerciale: c’ era quindi la possibilità di rifornirsi continuamente di materie prime per la produzione del cioccolato.

La Svizzera, inoltre, era continuamente in contatto con il nord dell’ Italia, dove erano presenti città specializzate nella produzione del cioccolato.
Per queste ragioni, la Svizzera riuscì ben presto a diffondere le sue produzioni, arrivando ad avere clienti anche oltremanica, come gli inglesi.

La prima vera fabbrica di cioccolato in Svizzera fu creata da due italiani nella metà del 1700, nei pressi di Berna.
All’ inizio non ebbe, però, grande successo, forse a causa del pesante rumore che causava e per il forte odore che emanava.
Le golosità svizzere non rimasero mai una manifestazione locale, ma vennero esportate in tutto il mondo dagli stessi svizzeri.

La prima cioccolateria svizzera all’ estero fu aperta a Berlino intorno al 1800 dai fratelli Josty, che divenne un importante punto d’ incontro di importanti artisti, letterati e anche politici.
Dopo circa trenta anni la produzione di cioccolato svizzero approdò in Norvegia, Svezia e addirittura in Russia.

Ai Svizzeri si devono importanti innovazioni per quanto riguarda la produzione di cioccolatini: sono certamente da ricordare la tecnica della tempra che evita la formazione di grumi, il miscelatore per amalgamare il cacao e lo zucchero.
Sono poi proprio gli svizzeri ad aver creato il cioccolato al latte, alle nocciole e soprattutto quello ripieno.

Inoltre la creazione della famosa pralina si deve ad un produttore di confetti: Frédéric Neuhaus.

Le categorie della guida