Questo sito contribuisce alla audience di

Tamponamento a catena: in caso di veicolo in movimento la colpa è di tutti gli automobilisti

Come è noto, nei casi di tamponamento a catena di veicoli fermi incolonnati, vale il principio che vada addebita all’ultimo veicolo la responsabilità di tutti i tamponamenti dei veicoli[...]

tamponamento a catenaCome è noto, nei casi di tamponamento a catena di veicoli fermi incolonnati, vale il principio che vada addebita all’ultimo veicolo la responsabilità di tutti i tamponamenti dei veicoli precedenti. Nel tamponamento a catena di veicoli in movimento, con riguardo ai veicolo intermedi, si applica invece la presunzione della colpa in eguale misura a carico di entrambi i conducenti di ciascuna coppia di veicolo tamponato e tamponante, fondata sulla inosservanza della distanza di sicurezza rispetto al veicolo antistante.

Questo il principio enunciato dalla Cassazione n. 18234/08 per la quale “il principio di diritto, nei casi di tamponamento a catena, addebita all’ultimo veicolo della colonna la responsabilità di tutti I tamponamenti dei veicoli precedenti è stato affermato solo nei casi di tamponamento di veicoli fermi incolonnati. Nel tamponamento a catena di veicoli in movimento trova, invece, applicazione, con riguardo ai veicoli intermedi, - e quindi con esclusione del primo e dell’ultimo veicolo della colonna – il secondo comma dell’art. 2054 c.c., con conseguente presunzione iuris tantum della colpa in eguale misura a carico di entrambi i conducenti di ciascuna coppia di veicolo tamponato e tamponante, fondata sulla inosservaza della distanza di sicurezza rispetto al veicolo antistante, qualora non sia da loro fornita la prova liberatoria di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno ed ancorchè uno solo dei conducente e/o l’autoveicolo da questi condotti abbia riportato danni”.

Le categorie della guida