Una lira luogotenenza 1944: l'ultima lira d'Italia in carta

27-09-09 Alla scoperta dell'ultima lira di carta dello Stato Italiano, prima dell'avvento della Repubblica

L'ultima emissione della lira di carta dello stato italianoLa lira in carta visibile nelle immagini della gallery è di fatto l’ultima lira di carta della storia d’Italia, prima dell’avvento della Repubblica.
Non si tratta di una banconota emessa dalla Banca di Italia ma di un “biglietto di stato”, di emissione discontinua a partire dal 1882 (sostituirono i biglietti consorziali): come biglietti di stato si trovano infatti emissioni sotto Umberto I, Vittorio Emanuele III, la luogotenenza di Umberto di Savoia e sotto la Repubblica.

Il loro percorso di emissione è abbastanza particolare essendo fabbricati a Torino sotto la direzione del Tesoro e poi custoditi da quest’ultimo.

In particolare la lira di carta trova la sua emissione durante il periodo della Luogotenenza del Regno d’Italia; come si apprende dalla recente storia del nostro paese:

Umberto II, passato alla storia come “Re di Maggio”, nacque a Racconigi (CN) il 15 settembre 1904 da Vittorio Emanuele III ed Elena di Montenegro; sposò Maria José, figlia di Alberto I, re del Belgio nel 1930. Ottenne la corona il 9 maggio 1946, quando il padre abdicò in suo favore, ma di fatto aveva cominciato a governare nel giugno 1944, quando il padre, nominandolo luogotenente del Regno, gli affidava la totalità del potere.
Il suo Regno non ebbe alcun governo, dato che, il 2 giugno 1946, si tenne il referendum per scegliere fra monarchia e repubblica. La monarchia ottenne circa 10 milioni di voti, la repubblica circa due milioni di più.

La banconota da una lire ebbe tre emissioni, tutte con data 23-11-1944 e tre differenti gruppi di firme:

Bolaffi - Cavallaro - Giovinco
Ventura - Simoneschi - Giovinco
Di Cristina - Cavallaro - Parisi

Le tre emissioni sono abbastanza comuni, specie in buono stato. Assumono valore nelle condizioni di SPL (splendide) o FDS (fior di stampa): in questo caso si varia dai 3-4 euro fino a 10-11 euro.
Un discorso a parte lo merita l’emissione Di Cristina - Cavallaro - Parisi, catalogata come RARA e con quotazioni superiori, circa doppie rispetto alle altre.

Alcune annotazioni e curiosità sul biglietto, ben visibili nelle immagini:

1. Sulla banconota compare la scritta “ministero del Tesoro”
2. La filigrana è costituita da una doppia sinusoide orizzontale
3. In nessuna parte della banconota compare la scritta “Regno di Italia” ma solo “Italia”
4. E’ l’ultima lira di carta dello stato italiano!

L'ultima emissione della lira di acrta dello stato italianoL'ultima emissione della lira di acrta dello stato italianoL'ultima emissione della lira di acrta dello stato italianoL'ultima emissione della lira di acrta dello stato italianoL'ultima emissione della lira di acrta dello stato italianoL'ultima emissione della lira di acrta dello stato italiano

Commenti dei lettori

(Inserisci un commento - Nascondi commenti anonimi)

Peeplo News

Attualità e Notizie su Peeplo News.

Cercale ora!