Questo sito contribuisce alla audience di

La grande guerra in DVD : la seconda serie - 1a parte

30-01-10 Il dettaglio della seconda serie di DVD dedicati alla grande guerra (Hobby and Work)

foto grande guerra fronte1 - ALLE ARMI
La Prima guerra mondiale ha plasmato il Ventesimo secolo. Ha innescato la Rivoluzione russa. Ha lanciato l’America come potenza mondiale. Gli errori del suo fallimentare trattato di pace concluso hanno portato, solo vent’anni dopo, a un secondo terribile conflitto mondiale, di cui viviamo ancora con le conseguenze irrisolte: nel Medio Oriente, nei Balcani e in Irlanda.
Iniziata come un conflitto nei Balcani, la Grande Guerra, finì per investire l’Europa e il mondo. La Gran Bretagna entrò in guerra più per difendere il suo vasto impero che le piccole nazioni. Il carattere spietato di questa guerra si manifestò sin dall’inizio con le atrocità dell’esercito austro-ungarico contro i civili serbi.

2 - SOTTO L’AQUILA
Nei primi mesi sul Fronte occidentale si combatté una guerra di movimento, con manovre rapide e pericolose; il numero di vittime fu più alto che nella seguente fase del conflitto caratterizzato dalla guerra di trincea. I tedeschi vennero fermati dagli Alleati nella battaglia della Marna, si ritirarono sulle alture e vi si trincerarono. Gli Alleati fecero lo stesso. La risultante linea di trincee si estese dal Canale della Manica alla Svizzera. Undici milioni di civili francesi e belgi si trovarono sotto occupazione e la brutalità tedesca non fu solo una leggenda. La Resistenza venne repressa spietatamente. I civili, compresi donne e bambini, vennero massacrati, usati come scudi umani e mandati nei campi di concentramento per essere impiegati nei lavori forzati o come ostaggi.

3 - GUERRA MONDIALE
L’Europa in guerra significò il mondo in guerra. La Germania puntò sul fatto che la Gran Bretagna avrebbe rischiato qualsiasi cosa per proteggere il suo impero – persino la vittoria sul fronte occidentale. Quindi, per dirottare le forze nemiche, gli spregiudicati comandanti tedeschi sfidarono gli inglesi nel Pacifico, in Africa, e in Medio Oriente. Uomini come l’ammiraglio Graf von Spee, che inflisse alla Gran Bretagna la più grande sconfitta navale in 250 anni, divennero leggende sia in Germania sia in Gran Bretagna.
La guerra totale reclutò africani, cinesi e indiani per mandarli a combattere in Francia. Nel frattempo in Africa il conflitto decimò la popolazione, lasciando dietro di sé una terra desolata, in cui però furono piantati i semi dell’autodeterminazione.

4 - LA JIHAD
L’impero Ottomano, alleato con la Germania, chiamò tutti i musulmani alla Jihad – la Guerra Santa – per rovesciare il potere degli Alleati in Medio Oriente. Dopo essere stata sconfitta dai russi a Sarakamish, la Turchia trovò un capro espiatorio negli armeni, che furono deportati in massa. Si stima che ne morirono 800.000. Gli Alleati inizialmente pensarono che vincere il decadente impero Ottomano – “l’ammalato d’Europa” – sarebbe stato un giochetto, ma i turchi impegnarono le truppe alleate nel Medio Oriente per ben quattro anni, ottenendo a Gallipoli una schiacciante vittoria, pur con terribili perdite da entrambe le parti, e un’altra vittoria a Kut, a sud di Bagdad, che costrinse gli inglesi a una resa umiliante.

5 - LEGATI A UN CADAVERE
Sul Fronte orientale si combatté una guerra razziale: slavi contro teutonici. Fu una guerra di movimento, giocata su terreno impervio, dagli Urali alle Alpi. Vennero inaugurati molti orrori caratteristici delle guerre del Ventesimo secolo: armi chimiche, espulsioni di massa dei civili, persecuzione degli ebrei.
Il fronte tra l’Italia e l’Austria fu forse il più duro.
I soldati vissero e combatterono per anni negli ambienti più ostili, sopportando le valanghe e la morsa del gelo oltre che l’incessante azione del nemico.
Sfiducia e disprezzo minarono sempre più i rapporti tra alleati. La Germania, impegnata a sostenere l’alleato austro-ungarico, si sentiva “legata a un cadavere”, mentre l’Austria vedeva la Germania come il suo “nemico segreto”.