Questo sito contribuisce alla audience di

Le giornate studio sulla collezione di Vittorio Emanuele III di Savoia

24-10-10 Una collezione straordinaria e due giornate di studio fanno da cornice ad un progetto ambizioso

foto vittorio emanuele III re d'italiaLa collezione di monete di Vittorio Emanuele III di Savoia donata al popolo italiano nel 1946 ha generato una serie di progetti molto importanti.
In primo luogo due giornate di studio sulla collezione (il 21-22 ottobre scorsi), in secondo luogo la creazione di un datase senza uguali al mondo.

Il database costituirà una vera e propria banca dati digitale, frutto della collaborazione tra il Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBAC), il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) e l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato (IPZS).

Il programma, ideato e messo a punto dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, che permetterà a tutti di navigare liberamente e gratuitamente nel sito del Ministero (http://www.numismaticadellostato.it), prevede la progressiva messa in rete dell’intera Collezione di monete della collezione di Vittorio Emanuele III.

Nella sezione “Biblioteca on line” saranno inoltre resi disponibili tutti i 20 volumi del Corpus Nummorum Italicorum, completi di indici analitici.
L’iniziativa non ha uguali nel mondo del collezionismo e costituirà un punto di riferimento per il settore e per gli appassionati di numismatica.
Permetterà anche a moltissimi giovani di entrare in contatto con un mondo spesso riservato a pochi “eletti”.

La numismatica non è morta: le nuove possibilità offerte dalle nuove tecnologie la renderanno sempre maggior tributo, grazie anche alla migliore diffusione di informazioni.
In fondo il Re aveva lasciato le monete al popolo italiano e non allo Stato: giusto quindi che siano gratuitamente a disposizione di tutti i cittadini.