Questo sito contribuisce alla audience di

Una lezione di comunicazione!!!

Chi meglio dei maestri dovrebbe saperci insegnare a comunicare? Emillio Solfrizzi ce lo ricorda in un episodio della serie televisiva che lo vede maestro-protagonista, più impegnato a risolvere situazioni di in-comunicabilità dei suoi alunni, di cui lui per primo non ne è esente (innamorato della bella collega, Gaia De Laurentis, fidanzata del direttore nonché suo migliore amico, Massimo Ciavarro), che a impartire tediose nozioni.

“Le parole servono per comunicare. Quando vi fate male dite «ahi», e questo vi aiuta a stare un po’ meglio […] perché in questo modo prendete un pezzetto di tutto il dolore che avete chiuso dentro di voi lo portate fuori”.

Così introduce una lezione d’italiano, sperando di invogliare una sua alunna ad aprirsi rivelando il problema che l’affligge.

Sembra così semplice eppure spesso ce ne dimentichiamo, l’uomo è un essere utilitaristico, se usa qualcosa è perché ne riconosce un’utilità. Eppure noi non attribuiamo a loro né il valore effettivo, usandole a vanvera, né il compito terapeutico.

Ma forse la verità è che nessuno ci insegna ad utilizzarle.

Per fortuna che almeno in televisione i maestri sono lasciati liberi di occuparsi del loro compito principale: comunicare e insegnare a essere curiosi.