Questo sito contribuisce alla audience di

Ancora con queste feste commerciali!!!!

Ecco il ritornello classico che ci sentiamo dire ogni qualvolta si appropinqua la festa della Donna. Una Scusa per sprecare soldi in fiori e cioccolatini!!!

Evidentemente ce ne sono ancora un’infinità di soldi e non solo in fiori e cioccolatini da sprecare se a dei minorenni vien insegnato un odio tanto profondo per le donne da poterle tranquillamente violentare sicuri tanto che non subiranno alcuna pena.

Meglio poi se la donna è Matura!!! Le sue esperienze le ha già avute e questo AUTORIZZEREBBE qualsiasi ANGHERIA????

Allora perché non obbligare chi è stato già derubato in casa di lasciare le case aperte: tanto ha già passato l’esperienza!!!

Anzi, meglio permettere di derubare a chi ha invitato a casa sua qualcuno.

Il nostro corpo, la nostra anima è la nostra CASA!!!!

Solo uno è il legittimo proprietario!!!

Solo noi stessi possiamo autorizzarci a far entrare in “casa nostra” chi reputiamo gradito e secondo i modi migliori.

Nessuno è autorizzato ad entrarvi con VIOLENZA MAI !!!!

E non c’è sicuramente alcuna pena che possa compensare, gli incubi notturni e diurni, la sensazione gradevolissima di sentirsi costantemente frugati, violati, umiliati.

Noi esseri “civilizzati” ci consideriamo tanto superiori e segniamo la nostra inferiorità tutte le volte che compiamo un atto di forza!!!

Una Violenza sicuramente segnerà a vita la vittima, ma ne marchia anche il colpevole: è un perdente e sempre lo sarà fin quando non imparerà, perdonate la mia ingenuità ma sono convitata che tutto e tutti possano imparare se solo lo vogliono, a che se l’altro è irraggiungibile per me, non serve tirarlo a me, violarlo, umiliarlo: elevati e lo raggiungerai!!!

Se è così tanto l’odio che gli uomini nutrono per le donne, ed altrettanto quello che le donne provano per gli uomini che per anni tentano di sottometterle, ancora ci chiediamo a cosa serva festeggiare la festa della donna?

Per una volta proviamo a ricordarci che siamo esseri umani. UN NO!!! È un NO!!!

E smettiamola con la psicologia spicciola: “le donne dicono di no ma vogliono dire di si!!!” se dicono no, rispettate quel no. E se voi vi siete trovati d’avanti la donna contorta che voleva dire “sì” con quel “no”. Rispettando quel no: 1° vi siete tolti di torno una donna contorta; 2° le avrete dato ragione di credere che può anche dire di “sì” e continuare ad essere rispettata come quando dice di “no”.

Come dice Anna Tatangelo: “Essere donna è un po’ di più…” e questo bambino viziato o uomo non cresciuto potrà mai toglierlo con nessuna violenza.

Regalate un fiore di più e un sorriso di più e un abbraccio di più…e se questo poi succede il giorno della festa della donna!!! Ben venga che sia il primo di un’infinità di altri giorni, e vedrete che chi dà, per legge di natura: Riceve!!!

ANNA TATANGELO

Essere una donna

Con quegli occhi attenti
Come spilli ardenti
Mi frughi.
Come un lupo attendi
Dentro l’anima discendi
Indaghi sempre più
Ti sembro quasi una farfalla
Un giocattolo una palla
Si da prendere
Dimmi il tuo amore cosa vale
So che mi vedi come il miele
Da mangiare tu
Ma ti stai sbagliando sai

Io non sono una ciliegia

Essere una donna
Non vuol dire riempire solo una minigonna
Non vuol dire credere a chiunque se ti inganna
Essere una donna è di più, di più, di più, di più
E sentirsi viva
È la gioia di amare e di sentirsi consolare
Stringere un bambino forte, forte sopra il seno
Con un vero uomo accanto a sé

Essere guardata
E a volte anche seguita
Mi pesa
Certi complimenti
Se son rozzi poi ti senti
Offesa
Ti senti come una farfalla
Un giocattolo una palla da prendere
ma non è amore poco vale sentirsi come il miele
da mangiare noma ti stai sbagliando sai
sono davvero un’altra cosa

Essere una donna
non vuol dire riempire solo una minigonna
non vuol dire credere a chiunque se ti inganna
Essere una donna è di più, di più, di più, di più

Io non cerco un’avventura
Ma il compagno che vorrei
Che tra un bacio e una risata
Mi farà dimenticare
I problemi intorno a me

Essere una donna
È vuol dire provare dentro veri sentimenti
E frenare il pianto e il dolore che tu senti
Essere di più, molto di più