Questo sito contribuisce alla audience di

La paura dell’altro!

Ma esiste solo la chat per conoscersi? E’ sconvolgente quante persone di ogni ordine e grado, età, nazione, ceto e quant altro si possono trovare in chat.

Ad ogni ora, in qualsiasi momento si abbia voglia di staccare la spina dal proprio lavoro, o ci si senta soli, o semplicemente si avverta il bisogno di una parola, basta aprire la finestrella di un qualsiasi programma di chat ed ecco lì qualcuno che da bravo sconosciuto battuta dopo battuta finisce per diventare un buon amico, una tra le persone che ti conosce meglio e finanche il compagno della tua vita.

Ma possibile che non ci siano più i cari vecchi incontri di una volta?

Credevo fosse una questione d’età, quando mi sono resa conto che la cerchia degli amici non si ingrandisce e restringe più con la stessa velocità di un tempo. Quando le comitive si componevano e disfacevano nell’arco di una stagione, incontrare nuova gente era la parola d’ordine di tutte le sere.

Ma in realtà le cose non stanno proprio così. Andando in giro nei locali, se vi guardate intorno notate come sia diffusa la pratica del gruppo chiuso.

Anche in pista ciascuno resta ben saldo nel proprio cerchio.

In realtà c’è una paura folle del rifiuto, quella paura che viene esorcizzata con uno schermo, e che non si capisce perché le stesse persone che non vi sareste permessi di fermare per nessun motivo per strada o in un luogo pubblico, diventano estremamente irresistibili, se poi lontane meglio ancora, ovvio la distanza on solo alimenta il fascino dell’incontro, ma garantisce dei limiti logistici almeno iniziali che permettono degli slanci iniziali che spesso vanno ben oltre i sentimenti reali.

La difficoltà di rapporto non è una malattia essenziale del nostro secolo, ma diciamo che in un mondo che si basa moltissimo sull’immagine e sulla comunicazione in tutte le sue forme si avverte molto più pesantemente.

Il desiderio dell’incontro ha permesso la creazione di mezzi di ogni genere, più potenti, più veloci, più pratici ed economici, ma non ha curato il bisogno di base: la capacità di creare e mantenere i rapporti.

***

Per essere sempre informato iscriviti alla newsletter di comunicazione

Collabora con noi: Segnalaci le iniziative o le informazioni relative al mondo della comunicazione ed inoltre, dati i continui cambiamenti dei collegamenti segnala eventuali malfunzionamenti dei link degli interventi.