Questo sito contribuisce alla audience di

"S/Comunicare la scuola - Educare tra comunicazione ed etica: nu

In questo periodo in cui sembra essersi dimenticati che la cattedra non dovrebbe costituire una barricata dietro la quale il docente si ritrova spesso costretto a difendersi, abbandonato da tutte le strutture, ma colui che si pone al servizio del giovane per l'integrazione e l'educazione alla vita prima ancora che alle singole discipline, si colloca il convegno "S/Comunicare la scuola - Educare tra comunicazione ed etica: nuovi adolescenti e media". Alla ricerca di una sempe più proficua comnicazione collaborativa.

Dal bisogno “di riappropriarsi di un parlare di educazione da parte di chi, insegnanti e studenti, vive la scuola come uno spazio di convivenza quotidiana”, e dalla consapevolezza che “comunicare la scuola non è facile. Tuttavia, è necessario,” Nasce il convegno S/Comunicare la scuola - Educare tra comunicazione ed etica: nuovi adolescenti e media” che si terrà giovedì prossimo a Torino presso il salone congressi del SEMNIG.
L’invito dell’organizzatore Renato Tomba, insegnante torinese, si rivolge a “tutti coloro che si occupano del mondo della scuola e della comunicazione (insegnanti, educatori, psicologi, responsabili istituzionali, giornalisti della carta stampata, della televisione ecc.), e quanti altri ritenete interessati al tema.
Nella seconda parte della giornata l’attività di gruppo Che scuola vogliamo? Intende porsi come autentico momento di confronto e attiva partecipazione tra i diversi soggetti compresi i giovani adolescenti, che sono il vero soggetto della giornata di formazione.

Inoltre il convegno si svolge con il Patrocinio del Ministero della Pubblica Istruzione – Ufficio Scolastico

Regionale per il Piemonte e vale come attività di aggiornamento e formazione con esonero dal servizio ai sensi dell’art. 62 CCNL – Scuola, 2002-2005.

Materiale di informazione e scheda di iscrizione potranno essere scaricati dal sito dell’Istituto “Albe Steiner” di Torino.

La segreteria organizzativa resta comunque a disposizione per qualsiasi ulteriore informazione o chiarimento.