Questo sito contribuisce alla audience di

Gli errori da evitare in sede d'esame

La preparazione ad un esame di scuola o universitario, perché sia in ogni caso producente dovrebbe innanzi tutto essere preparato come si prepara un colloquio di lavoro, bisogna convincere l'esaminatore che sta esaminando la persona giusta per competenze e maturità.

Per garantirsi la riuscita di un esame dovrebbe essere scontato che la condizione principale sia la cura attenta della preparazione per evitare innanzi tutto figure che ledano la nostra persona evitando quindi di farsi conoscere per una qualcuno di poco professionale e privo di dignità personale. Per questo la preparazione non si può basare sul sentito dire dai compagni. Il programma (almeno in cosa consta se non studiato a fondo) va conosciuto e le indicazioni precise vanno chieste al docente. “Sfruttare”  la disponibilità dei docenti, seguendo le lezioni, presentandosi ai ricevimenti seguire e segnarsi le domande dei precedenti appelli (interrogazioni) è sicuramente una carta premiante che aiuta a creare un rapporto. Ma anche se questo non fosse possibile o se per mille motivazioni vi sentiate costretti a presentarvi all’esame senza essere pienamente preparati e dovesse volgere al peggio, tenete a mente, in ogni caso, di evitare a qualsiasi costo di esordire con frasi tipo:

La prego Prof. È il mio ultimo esame…
Non sapevo che ci fosse questa parte in programma…
Pensavo che questo argomento non fosse importante…
Mi può fare un’altra domanda?
Per me è uguale…
Prof. Sono qui solo per l’idoneità…
Rispondere alla domanda con un altro argomento
Non polemizzare
Certo non si può esaurire tutto qui, ma è sicuro che nel tempo il livello di studio e di preparazione sia sceso e quel che è sconvolgente è che continua a scendere precipitosamente. E se vi viene detto non è per denigrarvi, ma per mettervi in guardia. E’ vero che oggi giorni trovare un lavoro è sempre più difficile, ma quello che sconvolge è che se fosse tutto basato su una mancanza di lavoro le competenze dovrebbero vertiginosamente aumentare e non diminuire. Quindi sicuramente c’è meno facilità d’impiego, ma altrettanto sicuramente c’è poca gente realmente competente da assumere. Il compito del docente è molto meno divertente di quel che si possa immaginare non è un torturatore (anzi il dover ascoltare ad ogni esame fiumi di obbrobri lo fa passare subito dalla parte del torturato) sta lì per aiutare e ogni “no” ogni rifiuto in realtà è la vera occasione che vi viene data per crescere, cambiare e sapervi presentare nella vita.

Evitate di presentarvi impreparati, vi mortificate e mortificate l’altro, togliete valore a voi e al lavoro dell’altro.

Ma se proprio non ci riuscite e volete continuare a non prepararvi adeguatamente, allora cominciate ad evitare di arrabbiarvi quando alla posta, negli uffici, al supermercato o nelle aziende vi capita di incontrare un impiegato incompetente, perché presto quell’incompetente potreste essere voi!

Link correlati